Archiviato in | Musica, Spettacolo

TINTURIA AL CENTRO ZO DI CATANIA

TINTURIA AL CENTRO ZO DI CATANIA

Il Centro “Zo” di Catania ha ospitato la prima data del tour di Lello Analfino & i Tinturia che proseguirà in tutta Italia. (Prossime date siciliane 19 aprile a Messina presso il Centro Multiculturale Officina, 24 aprile a Palermo presso i Candelai, il 30 aprile a Ragusa presso il Lanificio).

Print Friendly, PDF & Email

Tinturia. Camica di jeans, T-shirt con un uomo con il passamontagna, pantalone marrone  e tanta stravaganza sono stati gli “abiti” indossati da Lello Analfino per aprire il “Precario Tour” in compagnia dei Tinturia (organizzazione Musica e Suoni). Il Centro “Zo” di Catania, infatti, ha ospitato la prima data del tour di Lello Analfino & i Tinturia che proseguirà in tutta Italia. (Prossime date siciliane 19 aprile a Messina presso il Centro Multiculturale Officina, 24 aprile a Palermo presso i Candelai, il 30 aprile a Ragusa presso il Lanificio). Per più di due ore i Tinturia hanno raccontato la loro musica. Musica intervallata da momenti di vera cultura. Lello Analfino, “arraggiato” come lui stesso si è definito, ha più volte ricordato quanto sia importante la nostra Terra e quanto oggi venga tristemente danneggiata da una classe politica che non pensa al futuro. Lello, avvolto da continui e meritati applausi, ha fatto presente anche un triste sondaggio. In Sicilia l’83% dei giovani dai 18 ai 30 anni ha smesso di cercare lavoro. Un dato difficile da digerire. Tanti i temi trattati in maniera spensierata ma profonda. Un pubblico attento ha circondato con il loro calore uno dei gruppi più amati della nostra Terra. Lello Analfino e i Tinturia, hanno presentato anche alcuni dei loro brani pubblicati all’interno del nuovo lavoro discografico “Precario”. “Precario è una condizione mentale – ha spiegato Lello – ci hanno convinto vent’anni fa che il precariato era il futuro. Accontentarsi sperando che il domani sarebbe stato solido e sicuro. Invece chi vent’anni fa aveva vent’anni si ritrova adesso pienamente e ancora precario. Tanto da poter affermare che l’Italia è una repubblica fondata sul lavoro precario”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook