Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: “QUELLO SCIPPO NON LO DOVEVI FARE”, LO HANNO PRELEVATO DAL BUS E POI GIÙ BOTTE

PALERMO: “QUELLO SCIPPO NON LO DOVEVI FARE”, LO HANNO PRELEVATO DAL BUS E POI GIÙ BOTTE

Una decina di ragazzi salgono sul bus e picchiano un coetaneo. E’ accaduto a Palermo, una banda di ragazzi sono saliti sul mezzo pubblico lo hanno fatto scendere e poi lo hanno malmenato. Durante il pestaggio l’autista del bus e tre passeggere hanno assistito alla punizione: secondo la gang aveva commesso uno “scippo” non autorizzato da loro.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Ieri sera l’autobus 246 dell’Amat, percorreva tranquillamente la via del Vespro, nella zona del Policlinico, quando a un certo punto una decina di giovani lo hanno bloccato. Quattro di loro sono saliti a bordo, hanno fatto scendere a forza un ragazzo, urlandogli che non avrebbe dovuto commettere “quello scippo” ai danni di una donna e poi dopo averlo condotto in una zona poco illuminata lo hanno ferocemente picchiato davanti agli occhi atterriti di tre passeggere e dell’autista che nel frattempo erano scesi dal bus. Quando la gang ha sentito le sirene della polizia si è dileguata. Gli agenti non hanno trovato neppure il ragazzo picchiato. Le tre passeggere sono state soccorse dal personale del 118. Molto provato l’autista dell’autobus, Rosario Conte che amareggiato ha raccontato il fatto, spiegando che soprattutto il sabato, sugli autobus succede di tutto e molte linee ormai sono diventate impossibili. I quattro giovinastri saliti sul mezzo pubblico erano tutti molto giovani.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook