CATANIA: LOMBARDO CONDANNATO, 6 ANNI E 8 MESI

CATANIA: LOMBARDO CONDANNATO, 6 ANNI E 8 MESI

L'ex presidente della Regione condannato per concorso esterno in associazione mafiosa, che assorbe anche il reato elettorale con Cosa nostra. Proscioglimento per l'ipotesi di voto di scambio con il clan Cappello. L'ex governatore: " E' l'epilogo naturale del primo grado di giudizio, ma non finisce qui". Il procuratore Salvi: "Un fatto storico - è il frutto di un lavoro importante che ha avuto anche collaboratori importanti a sostegno dell'accusa". Rinviato a giudizio il fratello Angelo, ex deputato nazionale del Mpa

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Il gup di Catania ha emanato la sentenza dalla quale si evince che l’ex presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, è stato condannato a sei anni e otto mesi di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa, assorbito il reato elettorale con Cosa nostra, prosciogliendo l’imputato per l’ipotesi di voto di scambio con il clan Cappello. Il gup Marina Rizza ha letto la sentenza che ha concluso il processo col rito abbreviato. Inoltre, il giudice ha disposto per l’ex presidente anche un anno di libertà vigilata e l’interdizione perpetua dai pubblici uffici. La Procura aveva chiesto la condanna a 10 anni di reclusione. L’ex deputato nazionale del Movimento per l’autonomia, Angelo Lombardo è stato rinviato a giudizio anche, per concorso esterno all’associazione e voto di scambio. La prima udienza del processo è stata fissata il prossimo 4 giugno. Lombardo ha commentato la sentenza: “è l’epilogo naturale del primo grado di giudizio, ma non finisce qui: seguiremo tutte le strade legali per dimostrare la mia innocenza – ha aggiunto Lombardo – sono di una serenità infinita, mi aspettavo questa sentenza, non ne aspettavo una diversa perché non pensavo che una persona, il giudice, oltre che onesta, per bene, imparziale, indipendente, potesse avere un coraggio sovrumano da schierarsi con una sentenza di assoluzione. Che pure sarebbe stata aderente ai fatti, anche contro una Procura che con il 50% dei suoi componenti della Dda è venuta anche plasticamente a dimostrare la sua posizione nel processo, contro la grande stampa, che chiaramente ha determinato un giudizio preventivo nell’opinione pubblica, contro un sistema politico i cui interessi torbidi ho intaccato”.

“Siamo fiduciosi anche se i miei avvocati sono dispiaciuti perché non si aspettavano questa sentenza, avendo condotto una battaglia veramente straordinaria dal punti di vista professionale. Io invece sono stato molto più realista anche perché conosco un po’ di più il contesto, per rifarci a Sciascia. Man mano che la tensione si attenuerà nei passaggi successivi affermeremo la verità anche perché i reati che mi vengono contestati sono assurdi, ridicoli ed e profondamente ingiusto, appunto, che mi vengano addebitati”. Il procuratore di Catania, Giovanni Salvi ha detto: “abbiamo fatto un lavoro importante. Oggi è avvenuto un fatto storico – continua il magistrato – si ha per la prima volta la condanna per concorso esterno in associazione mafiosa per un presidente della Regione Siciliana. E’ il frutto di un lavoro importante che ha avuto anche collaboratori importanti a sostegno dell’accusa”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook