Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LINGUAGLOSSA (CT): BARRICATO IN AZIENDA CON BOMBOLA DI GAS, MINACCIA IL SUICIDIO

LINGUAGLOSSA (CT): BARRICATO IN AZIENDA CON BOMBOLA DI GAS, MINACCIA IL SUICIDIO

Rosario Puglia vittima del racket delle estorsioni, si è barricato nella sua azienda minacciando di farsi esplodere con una bombola di gas per protestare contro la mancata applicazione di un'ordinanza che gli riconosce un risarcimento danni. Dopo essere stato dissuaso dai carabinieri è stato fermato”.

Print Friendly, PDF & Email

Linguaglossa. Si chiama Rosario Puglia l’imprenditore che si è barricato dentro la sua azienda minacciando il suicidio. La protesta è stata interrotta, dopo un confronto con i carabinieri di Catania. La reazione  si è manifestata dopo la mancata applicazione di un’ordinanza del Cga che gli riconosce un risarcimento danni. Infatti l’imprenditore Rosario Puglia, che si era chiuso nella sua azienda vinicola di Linguaglossa, la ‘Don Saro’, con accanto una bombola di gas e delle taniche di benzina materiale poi eliminato dai vigili del fuoco. L’avvocato Marco Perna, legale dell’imprenditore ha spiegato: “L’ordinanza del 30 settembre 2013 assegna una provvisionale a Rosario Puglia, ma la somma non è stata ancora corrisposta per un ricorso fatto a dicembre dal commissario antiracket che è stato oltretutto respinto”. In passato l’imprenditore, ha denunciato di essere vittima del racket delle estorsioni, ha presentato esposti alle forze dell’ordine per episodi intimidatori subìti come il ritrovamento di una testa mozzata di un agnello e di un coniglio morto e di viti danneggiate nei suoi poderi di campagna. Puglia per protestare contro il mancato riconoscimento di vittima del racket, ha attuato anche lo sciopero della fame per oltre un mese.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook