CATANIA: LAURA BOLDRINI OSPITE DELL’UNIVERSITÀ ETNEA

CATANIA: LAURA BOLDRINI OSPITE DELL’UNIVERSITÀ ETNEA

“La presidente della Camera in visita al Rettorato etneo per ascoltate gli studenti catanesi. La terza più importante carica dello Stato prima di partecipare all’incontro che si è tenuto nell’ateneo è stata abbordata da decine di persone. Il dibattito incentrato sul ritorno in Italia dei talenti".

Print Friendly, PDF & Email

Catania. La presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini ha auspicato che il Sud come il resto d’Italia può essere terra di talento, ricerca e innovazione. Questa è una certezza evidenziata dalla presenza oggi, nella sede del Palazzo centrale dell’Ateneo Catanese dalla terza carica dello Stato. Una visita istituzionale chiamata a focalizzare l’esperienza scientifico-professionale di tre giovani che si sono formati all’interno dell’università catanese. Una modalità per far conoscere nel dettaglio le ricerche di Luca Naso, CTO di Edisonweb, di Emanuele Francesco Pecora, PostDoctoral Scholar alla Stanford University, e del misterbianchese Filippo Caruso, ricercatore allo European Laboratory of Non-linear Spectroscopy dell’Università di Firenze e coordinatore nazionale di un progetto di ricerca finanziato nell’ambito del programma ministeriale “FIRB-Futuro in Ricerca”.

Da sinistra: la presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini, il rettore dell'Università di Catania, Giacomo Pignataro

Da sinistra: la presidente della Camera dei deputati Laura Boldrini, il rettore dell’Università di Catania, Giacomo Pignataro

La Boldrini a margine dell’incontro, ha commentato: Laura Boldrini esordisce davanti a tantissima gente che gremiva l’aula magna dell’Ateneo catanese: “C’è un solo invito che vorrei rivolgere alla stampa – dice il Presidente della Camera: parlate di questi giovani, fate conoscere il loro ottimismo e la loro volontà di emergere. Sono loro che ci daranno la giusta ricetta per uscire da questa Crisi”. Nonostante l’appello rivolto agli operatori dell’informazione, il presidente della Camera non si è sottratta, però, ad una doverosa analisi del contesto di precarietà attuale che avvolge il paese: “Dobbiamo prendere atto di come il modello di sviluppo sia mutato. Oggi bisogna puntare alle eccellenze, per farlo è necessario il contributo della buona politica. Il dovere della ricerca – aggiunge – passa sia dallo Stato, ma anche dai privati. Si devono sostenere le imprese abbassando, magari, le tasse. Oppure, garantendo un più facile accesso al credito legale per chi vuole scommettere sulle proprie capacità”. “La fuga di cervelli va fermata. È bene che i giovani abbiamo la possibilità di andare all’estero per fare esperienze ma bisogna che possano poi tornare in Italia con un progetto serio e sostenibile di vita, realistico. Quei talenti non aspettano altro e noi, Italia, rialzeremo la testa e riavvieremo la ripresa”.

Il rettore dell’Università di Catania, Giacomo Pignataro ha affermato con forza: “Se vogliamo dare concretezza alle parole sull’importanza della conoscenza, il nostro Paese, sia nella sua parte pubblica sia in quella privata, deve avere il coraggio e la volontà di realizzare un grande investimento nell’Università, perché, purtroppo, alle storie di successo dei nostri talenti ne corrispondono altre di altrettanto capaci giovani, a cui sta mancando l’opportunità di essere coltivati nel loro talento e di dimostrare ciò che valgono”.Poi, ha aggiunto Pignataro: “Conoscenza e sapere devono costituire la base di una ambiziosa strategia di creazione di una comunità euro-mediterranea, che punti ad una crescente integrazione economica e sociale, che consenta di realizzare un’area che veda nella mobilità delle persone un’opportunità e non un problema”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook