Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: TEATRO BELLINI, SLITTA DI UN GIORNO L’INSEDIAMENTO DEL NUOVO COMMISSARIO

CATANIA: TEATRO BELLINI, SLITTA DI UN GIORNO L’INSEDIAMENTO DEL NUOVO COMMISSARIO

“Slitta di un giorno l’insediamento del neo commissario straordinario Alessandra Di Liberto era stato programmato oggi, è invece slittato a domani. Nelle ultime settimane l'ente teatrale regionale è stato coinvolto da una forte bufera. Le denunce di Crocetta sulle spese folli e le repliche dell'ex sovrintendente Fiumefreddo infestano l’insediamento del neo commissario Alessandra Di Liberto. Nulla trapela sul bilancio della gestione Fiumefreddo finito alla supervisione del presidente della Regione siciliana. Sarebbero presenti consulenze e "spese di rappresentanza".

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Il Bellini ancora nella bufera. Una battaglia di comunicati, querele e annunci che hanno poco a che fare con spettacolo e cultura musicale. Sotto il riflettore dell’antico teatro sono protagonisti il Presidente della Regione Rosario Crocetta e l’ex sovrintendente Antonio Fiumefreddo. L’ex primo cittadino di Gela nelle scorse ore ha fatto scattare una scintilla dalle conseguenze imprevedibili a cui si lega una vicenda con radici nel recente passato che coinvolge di riflesso nomi di spicco della politica siciliana e non. Nel mirino le “spese folli” dell’Ente lirico. Il presidente Crocetta ha tirato in ballo le così denunciate “spesi folli”: che sarebbero acquisti in gioielleria, zuppiere, vassoi in ceramica, orecchini di corallo e perle con gemelli e collane sarebbero alcuni tra i preziosi acquistati nel 2009 dall’ente lirico catanese e denunciate da Crocetta. Egli ha posto una serie di interrogativi “Sono stati fatti dei regali? A chi? Vogliamo saperlo?”. Dubbi e perplessità a cui ha affidato una replica il noto penalista catanese Antonio Fiumefreddo, ex avvocato di Raffaele Lombardo, in passato candidato a sindaco di Catania e sovrintendente del teatro nel periodo incriminato su cui Crocetta ha voluto approfondire.

“Si tratta di due paia di gemelli da camicia del valore di 150 euro donati a coppia – spiega un comunicato stampa Fiumefreddo – donati quale risarcimento, a un direttore d’orchestra straniero di fama internazionale al quale, nei camerini del Bellini, durante le prove, erano stati rubati i propri, ed al Presidente della Repubblica che aveva voluto il bellini al Quirinale. Si tratta – prosegue il penalista – di alcune tazze con l’effigie di Vincenzo Bellini donate quale dono di rappresentanza ad alcune rappresentanze diplomatiche che avevano onorato il Teatro con la loro presenza. Ed ancora di un paio di orecchini donati ad un’ambasciatrice in visita al Teatro. Quindi, si tratterebbe di spese del tutto modeste e di ordinaria rappresentanza. Ma c’e un particolare: quei “gioielli” li ho pagati personalmente con un mio assegno di conto corrente, naturalmente già esibito nella sede deputata”.

La tensione è ancora rovente. Nella denuncia in possesso del presidente Crocetta, sarebbero state individuate alcune consulenze della gestione Fiumefreddo e una lunga serie di “spese di rappresentanza” che comprenderebbero pasti nei ristoranti delle principali località europee, soggiorni in alberghi di lusso, alcuni acquisti da Euronics e in negozi di alta moda.  A svelare i retroscena di questa delicata vicenda potrebbe essere stata un’attenta analisi dei bilanci dell’ente teatro massimo Bellini. Presunte difformità antecedenti il 2010 a cui l’ultima parola potrebbe spettare alla Corte dei Conti e alla Procura della Repubblica di Catania. I dipendenti hanno rivendicato il pagamento degli stipendi e avevano anche minacciato una protesta con concerti musicali a oltranza. Il problema, secondo Crocetta, non era legato ai pagamenti dei contributi da parte della Regione. Il canale finanziario Palermo-Catania, a detta del Presidente della Regione era infatti bloccato proprio a causa della mancata regolarità dei bilanci. Giovedi, però, è arrivato il placet annunciato dagli stessi sindacati che su lasciapassare della deputata Concetta Raia erano stati ricevuti dal presidente della Regione ai quali ha assicurato l’erogazione dell’ultima tranche di 5 milioni e 500 mila euro. Quindi le proteste si sono placate e le richieste dei rappresentati sindacali  sono state soddisfatte.

Intanto l’insediamento del neo commissario Alessandra Di Liberto è slittato a domani e con esso la gestione  della scottante vicenda che ha interessa le sorti future del teatro catanese. Intanto il Presidente della Regione ha affidato l’ente a un nuovo commissario evitando così la nomina del Cda e di conseguenza bloccando l’insediamento del neo presidente Enzo Bianco, ruolo che gli spetta di diritto in quanto sindaco di Catania. Ruolo, ricoperto tempo fa anche dall’attuale Ministro Anna Maria Cancellieri nominata dal vecchio inquilino di Palazzo D’orleans Raffaele Lombardo. Le vicissitudini legate al teatro non la risparmiarono, Ella fu Indagata dalla Procura etnea per abuso d’ufficio e truffa per delle presunte consulenze inutili e costose. La ministra ha però sempre rimandato le accuse ai mittenti, sottolineando la sua estraneità ai fatti e tirando in causa proprio l’ex sovrintendente Fiumefreddo autore, come da lui sottolineato, della denuncia a carico della stessa.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook