Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LUCIA RIINA IN TV, INFURIA LA POLEMICA

LUCIA RIINA IN TV, INFURIA LA POLEMICA

“L’intervista di Lucia Riina, la più giovane delle figlie del mafioso Salvatore alla tv svizzera ha suscitato indignazione e polemiche. La sorella del giudice antimafia Maria Falcone: ‘è inaccettabile il fatto che non prenda le distanze da un padre assassino’ e poi l’euro deputato Sonia Alfano lo definisce ‘uno spettacolino disgustoso”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Polemica sull’intervista rilasciata da Lucia Riina, la più piccola delle figlie del boss corleonese Salvatore, alla televisione svizzera Rts. La donna ha parlato di onore, fede, amore filiale, ha detto d’essere fiera del cognome che porta anche se ha ammesso di essere dispiaciuta per le vittime della mafia. Non potevano mancare le reazioni: da quella di Maria Falcone, sorella di Giovanni, giudice ucciso dalla mafia, a quella dell’eurodeputato Sonia Alfano, figlia del giornalista Beppe anch’esso ucciso da cosa nostra, che lo definisce “uno spettacolino disgustoso. Del resto Lucia Riina non è nuova a queste uscite e da lei non mi aspetto nulla di meglio di quanto fino ad ora fatto (o non fatto) e detto (o non detto) – aggiunge la presidente della commissione antimafia europea – È figlia di uno dei più cruenti mafiosi che la storia ricordi ed orgogliosa di esserlo. Questo, per me, basta a qualificarla. Mi aspetterei però maggiore prudenza e dignità da parte dei media. I familiari delle vittime, loro sì giustamente orgogliosi dei nomi che portano, vengono spesso ignorati”.

Nel 2007 i figli del boss Bernardo Provenzano accettarono di parlare ai microfoni della inglese Bbc, così anche Lucia Riina ha preferito i media esteri a quelli italiani. Lucia Riina, figlia del capomafia Salvatore (Totò) Riina, alla sua prima intervista rilasciata alla televisione svizzera a Ginevra, si ritiene dispiaciuta per le vittime del padre, ma onorata di portare il suo nome. Nell’intervista, doppiata in francese e così diffusa, la figlia del boss mafioso si dice dispiaciuta per le vittime del padre, e afferma: “penso che siamo tutti figli di qualcuno e non bisogna restare nel passato ma andare avanti per noi, per le generazioni future”.  un video della “prima intervista televisiva” l’ha pubblicata sul suo sito. “Io sono onorata e felice di chiamarmi così, è il cognome di mio padre e immagino che qualsiasi figlio che ama i suoi genitori non cambia il cognome” e poi aggiunge “corrisponde alla mia identità”. Parlando della sua famiglia, la figlia del boss continua: “Sono i miei genitori, siamo cattolici e devo dell’amore a mio padre e mia madre”, afferma, ricordando che a casa pregavano tutte le sere e che il momento più brutto della sua vita fu l’arresto di suo padre. “Nostra madre è stata estremamente importante, poiché non abbiamo potuto andare a scuola – racconta parlando di Ninetta Bagarella, maestra elementare, moglie di Riina e sorella di un altro capomafia, Leoluca Bagarella – È lei che ci ha insegnato a leggere e a scrivere”.  Lucia Riina, figlia ultimogenita di Salvatore Riina e Antonina Bagarella, che abita a Corleone e dipinge quadri vendendoli online sul suo sito, quadri realizzati su tavolette in legno disegnate e dipinte a mano, conclude dicendo che non le dispiacerebbe vivere e lavorare in Svizzera.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook