Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO RICORDA LA STRAGE DI VIA D’AMELIO

PALERMO RICORDA LA STRAGE DI VIA D’AMELIO

“Nel luogo della strage in via D'Amelio centinaia di ragazzini, gente comune e i parenti delle vittime di mafia si sono riuniti per il 21° anniversario della strage”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Nel giorno del 21° anniversario della strage in via D’Amelio sono presenti circa 200 ragazzi provenienti dall’associazione Il quartiere di Monreale, il laboratorio Zen insieme, il Cep San Giovanni Apostolo. Salvatore Borsellino fratello di Paolo parlando ai ragazzini racconta: “Tanti anni fa ho fatto la scelta di andare via dalla Sicilia, convinto di scappare dalla mafia, ma poi sono tornato per combatterla”. Rita, la sorella del magistrato risponde a dei ragazzini: “Oggi è stato ucciso Paolo, ma non dobbiamo essere tristi perché voi siete la speranza che ci farà ricostruire la memoria”. “La consapevolezza che la mafia esiste e va combattuta, come dimostra la vostra presenza qui. Quando Paolo ha iniziato le prime inchieste contro la mafia e contro chi continuava a ribadire che non esisteva, da quel momento l’antimafia è diventata la sua ragione di vita, e purtroppo, anche di morte”.

Nel luogo dell’attentato i parenti manifestano il dolore della perdita per i propri cari ma anche la speranza di ricominciare dai giovani, i quali, sono il filo rosso che lega Rita e Salvatore Borsellino alle centinaia di presenti, che da stamane riuniti nello stesso luogo della strage in cui furono uccisi Paolo Borsellino e gli agenti di scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina ricordano i tragici momenti. Anche il sindaco Leoluca Orlando è arrivato per portare un saluto, mentre il governatore Rosario Crocetta scrive su Twitter: “Paolo Borsellino ha incarnato la voglia di riscatto della Sicilia”. In via D’Amelio ci sono cartelloni dedicati ai magistrati che indagano sulle stragi, come Nino Di Matteo, striscioni delle agende rosse, disegni. Accanto all’ulivo che ogni anno si riempie di pensieri e ricordi per il giudice Paolo e gli agenti di scorta, anche un presidio dei poliziotti del Siap, con uno striscione dedicato al reparto scorte.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook