Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MUOS: ISS SU ISTALLAZIONE ANTENNE, NIENTE RISCHI PER LA SALUTE

MUOS: ISS SU ISTALLAZIONE ANTENNE, NIENTE RISCHI PER LA SALUTE

“Nessun rischio per la salute, via libera dell'Istituto superiore di Sanità sul sistema di antenne satellitari Usa istallate nel sughereto di Niscemi. Il responso arriva chiaro: "Rispettati tutti i limiti previsti dalla legislazione italiana”, non sono ipotizzabili rischi dovuti agli effetti dei campi elettromagnetici"

Print Friendly, PDF & Email

Muos. Secondo la relazione conclusiva dell’Istituto superiore di Sanità(ISS)  “i risultati delle misure sperimentali effettuate dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale(Ispra)  sulle antenne del sistema Muos nella base Usa a Niscemi in provincia di Caltanissetta: “indicano che tutti i limiti previsti dalla legislazione italiana in materia di protezione della salute umana dai campi elettromagnetici sono attualmente rispettati in larga misura”.  E ancora: “L’impatto delle antenne presso la stazione Nrtf – si legge nella relazione emanata il 12 luglio – può essere considerato separatamente da quello delle antenne attualmente in funzione”. Secondo quanto emerge dallo studio effettuato sono “Rispettati tutti i limiti previsti dalla legislazione italiana e non sono ipotizzabili rischi dovuti agli effetti dei campi elettromagnetici – anche nell’ipotesi, poco probabile, di un puntamento delle antenne paraboliche a livello del terreno, o comunque nelle direzioni di persone che potrebbero essere esposte al fascio principale, si ritiene che tali rischi possano essere considerati del tutto trascurabili”.

In riferimento alle possibili interferenze su apparecchiature elettromedicali continua il parere: “non sono prevedibili particolari problemi, connessi alla messa in funzione delle antenne Muos in quanto i livelli di campo elettrico nei luoghi dove è possibile la presenza di tali apparecchiature sono inferiori a 0,6 V/m, compatibili quindi con i normali livelli di campo elettromagnetico di fondo”. Quindi, secondo la relazione, non vi è alcun rischio anche per dispositivi come “pacemaker e defibrillatori cardiaci impiantati”. Nonostante il responso favorevole, l’Istituto superiore di Sanità precisa che “la natura puramente teorica delle valutazioni qui riportate impone comunque la necessità di verifiche sperimentali, successive alla messa in funzione delle antenne del sistema Muos, qualora quest’ultime vengano effettivamente installate”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook