BENZINAI: CONFERMATO LO SCIOPERO, SERRATA NELLE AUTOSTRADE

BENZINAI: CONFERMATO LO SCIOPERO, SERRATA NELLE AUTOSTRADE

“Anche in Sicilia confermato lo sciopero degli impianti di carburante nelle autostrade. Chiusi i distributori nella rete autostradale, tangenziali e raccordi compresi, dalle 22 di oggi fino alle 6 di venerdì. Il Garante ha convocato le compagnie petrolifere per discutere i temi della vertenza. I gestori degli impianti autostradali che nel 2012 hanno assistito alla diminuzione del traffico autostradale del 7% mentre il liquido erogato è sceso del 25%, circa il triplo rispetto a quello registrato sulla rete ordinaria”

Print Friendly, PDF & Email

Benzinai. I gestori degli impianti autostradali che nel 2012 hanno assistito alla diminuizione del traffico autostradale del 7% mentre il liquido erogato è sceso del 25%, circa il triplo rispetto a quello registrato sulla rete ordinaria. Le aree di servizio nelle autostrade resteranno inattive per tre giorni. Infatti, un comunicato della Figisc Confcommercio di Catania avverte che: anche in Sicilia i gestori degli impianti di carburante nelle autostrade incroceranno le braccia a partire dalle ore 22,00 di domani 16 luglio e riapriranno alle ore 6,00 di venerdì 19 Luglio. Un richiamo ai petrolieri perché non vi siano nuovi aumenti della benzina. Il ministro dello sviluppo economico Flavio Zanonato interviene sul tema dei rincari dei carburanti che, puntuali come ogni anno, rendono più care le vacanze degli automobilisti.

Il ministro ha comunque spiegato che “il rincaro è prevalentemente dovuto a un aumento del greggio e della domanda e per questo i petrolieri aumentano il prezzo. Ma lo stacco, cioè la differenza tra quanto crescono i listini europei rispetto ai nostri, è minimo”. Ma i benzinai non ci stanno e lamentano che l’Italia mantiene il record dei prezzi più alti d’Europa (con un costo medio della benzina pari a 1,742 euro al litro, e gli automobilisti italiani sono i più penalizzati d’Europa).  Il livello di tassazione (accise + IVA) tocca 1,030 euro a litro; volumi di vendita in progressiva picchiata dal 2008; livello delle Royalty aumentati di oltre il 700% in 10 anni; accordi economici scaduti mediamente da quattro anni; valanga di disdette dei contratti di gestione che espellono oltre 6.000 lavoratori e centinaia di imprese; impegni assunti con intese formali sottoscritti in sede istituzionali disattesi e norme di legge violate. I rincari preoccupano soprattutto i consumatori, con Adusbef e Federconsumatori che calcolano che i rincari significheranno 4-7 euro in più a pieno e chiedono al Governo di affidare alla Guardia di Finanza ispezioni a campione per verificare la natura degli aumenti. Anche l’Adiconsum chiede controlli ferrei sui petrolieri, ma anche che si dia il via all’accisa mobile. Mentre la Cisl chiede di sterilizzare i rincari attraverso una diminuzione delle accise.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook