CATANIA: PROVINCIA REGIONALE, FALSI RIMBORSI INDAGATI 3 POLITICI

CATANIA: PROVINCIA REGIONALE, FALSI RIMBORSI INDAGATI 3 POLITICI

“Il danno procurato alla Provincia Regionale ammonterebbe complessivamente a quasi 500mila euro. La procura etnea contesta ai consiglieri rapporti di lavoro inesistenti falsamente dichiarati per ottenere i rimborsi pecuniari”

Print Friendly, PDF & Email

La procura di Catania a conclusione degli interrogatori effettuati a seguito dell’avviso ex art. 415 bis c.p.p., ha chiesto il rinvio a giudizio di tre consiglieri Provinciali: Gianluca Cannavò, Sebastiano Cutuli, Antonio Danubio e i loro datori di lavoro. I magistrati contestano i reati di truffa aggravata in danno della Provincia Regionale di Catania, per avere attestato rapporti di lavoro inesistenti o compensi per posizioni lavorative diverse da quelle realmente ricoperte, al fine di lucrare il rimborso per permessi retribuiti. Il danno è stato quantificato in circa 240mila euro per la posizione di Cannavò, 170mila per Danubio e 70mila per Cutuli. E’ stata invece richiesta contestualmente l’archiviazione delle posizioni dei consiglieri Antonio Rizzo, Consolato Aiosa e Maurizio Tagliaferro con i rispettivi datori di lavoro e quelle dei soci di Cannavò, che hanno riferito della falsità del verbale di conferimento dell’alta qualifica allo stesso Cannavò. L’archiviazione si fonda sul rigoroso esame delle risultanze degli interrogatori, cui gli indagati si sono sottoposti, e delle acquisizioni documentali, relative all’effettivo svolgimento delle funzioni attestate.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook