Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CEFALÙ (PA): TAR CONFERMA CHIUSURA PUNTO NASCITE DELLA CITTADINA

CEFALÙ (PA): TAR CONFERMA CHIUSURA PUNTO NASCITE DELLA CITTADINA

“Il Tar respinge il ricorso presentato dal Comune di Cefalù e salva la struttura di Termini Imerese ‘Ne deriva – precisa nella motivazione il Tar - la non irragionevolezza della scelta operata dall'amministrazione regionale, la quale, dovendo mantenere in vita un solo punto nascita, ha privilegiato quello esistente presso un ospedale pubblico”.

Print Friendly, PDF & Email

Cefalù. Il Tar della regione Sicilia conferma la chiusura del punto nascite di Cefalù e salva quello di Termini Imerese ambedue i centri in provincia di Palermo. E’ stato respinto solo il ricorso presentato dal comune di Cefalù e da altri otto del circondario: Pollina, San Mauro Castelverde, Campofelice di Roccella, Lascari, Isnello, Castelbuono, Collesano e Gratteri. Salvo il centro nascite di Termini Imerese. Nell’ambito del piano di riordino e di razionalizzazione delle strutture sanitarie, l’assessorato regionale alla Salute aveva tagliato nel dicembre 2011 alcuni punti nascite realizzate in svariate località siciliane nei quali non era stata raggiunta la soglia minima di 500 parti all’anno. Dal piano di chiusura erano stati esclusi i centri delle isole minori e delle zone disagiate. Nel caso di Cefalù decisive per il pronunciamento sono state la breve distanza da Termini Imerese e il carattere della struttura dell’ospedale San Raffaele Giglio che, essendo gestito da una fondazione, “non può essere totalmente assimilato da una struttura pubblica in senso stretto qual è il presidio ospedaliero di Termini Imerese”. “Ne deriva – precisa nella motivazione il Tar – la non irragionevolezza della scelta operata dall’amministrazione regionale, la quale, dovendo mantenere in vita un solo punto nascita, ha privilegiato quello esistente presso un ospedale pubblico”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook