Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: ABUSA LA FIGLIA DELL’AMANTE, CONDANNATO A OTTO ANNI

CATANIA: ABUSA LA FIGLIA DELL’AMANTE, CONDANNATO A OTTO ANNI

“Geometra quarantottenne filma scene di sesso e ricatta 14enne figlia della sua amante, di inserire il video in rete. L'uomo è stato condannato a otto anni di carcere. La stessa cosa aveva fatto con la madre della ragazza. Gli incontri avvenivano nello studio dell'uomo dove la minorenne si recava per avere delle lezioni di doposcuola”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Un geometra quarantottenne è stato condannato a 8 anni di reclusione dal gup di Catania, Giuliana Sammartino, a conclusione del processo, col rito abbreviato, per violenza sessuale su minorenne e tentativo di induzione alla prostituzione e produzione di materiale pedopornografico. Il geometra avrebbe abusato della figlia 14enne della sua amante, con la minaccia di pubblicare sulla rete un filmato in cui si vedeva che facevano sesso e poi di metterla in cattiva luce con la madre. I due file sono agli atti del processo. L’accusa è stata sostenuta dai pm Marisa Scavo e Laura Garufi, coordinati dal procuratore capo Giovanni Salvi. Gli incontri avvenivano nello studio dell’uomo dove la minorenne si recava per avere delle lezioni doposcuola. La ragazzina era al corrente della relazione extraconiugale della madre e l’uomo l’avrebbe minacciata di metterla in cattiva luce con lei e di fare picchiare il padre, che era all’oscuro di tutto. Dopo avere ceduto al ricatto psicologico la minorenne aveva ceduto ai ricatti dell’uomo anche perché aveva filmato un loro rapporto sessuale. Lo stesso comportamento aveva adottato con la madre  della ragazza.

La polizia postale e delle comunicazioni di Catania ha avviato le indagini dopo aver ricevuto dalla Procura distrettuale etnea di atti relativi a uno stralcio di un’inchiesta sulla pedofilia online aperta dalla magistratura dell’Aquila, in cui emergeva il ruolo del geometra come uno degli utilizzatori di filmati a contenuto pedopornografico. Gli investigatori, in pochi mesi di lavoro, controllando file in possesso dell’uomo, sono riusciti ad arrivare al filmato in cui era ripreso l’atto sessuale subito dalla ragazzina, e a identificarla. Inoltre, gli agenti della polizia postale hanno trovato anche il filmato della madre della minorenne.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook