Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: MORTO IL FIGLIO DI NELLO MUSUMECI

CATANIA: MORTO IL FIGLIO DI NELLO MUSUMECI

“E' stata la collaboratrice domestica della famiglia a dare l'allarme al padre del ragazzo. Il figlio del deputato regionale si chiamava Giuseppe Musumeci, 30 anni, secondogenito del parlamentare regionale, è stato trovato senza vita nel bagno della propria abitazione a Catania: la porta era chiusa dall'interno”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Giuseppe Musumeci, 30 anni, è morto nella sua abitazione di Catania. Il ritrovamento del cadavere è avvenuto dopo l’allarme lanciato dalla collaboratrice domestica della famiglia. Giuseppe era il secondogenito del parlamentare regionale leader de La Destra in Sicilia e candidato a presidente della regione siciliana nella scorse elezioni. La donna, che doveva comunicargli qualcosa, non avendolo visto si è convinta che fosse uscito di casa e ha provato a chiamarlo sul telefono cellulare, che ha però sentito squillare nel bagno. La collaboratrice ha provato ad aprire la porta per entrare, ma era chiusa dall’interno. A quel punto, la governante ha subito chiamato il padre, il quale ha chiesto l’intervento dei carabinieri di piazza Dante. I militari arrivati a destinazione hanno forzato la porta, trovando il giovane riverso in terra e la finestra del bagno chiusa. Nel bagno non sono state trovate sostanze mediche. Sull’episodio, come atto dovuto, la Procura di Catania ha aperto un’inchiesta conoscitiva. Domani sarà eseguita l’autopsia. I funerali saranno celebrati a Catania mercoledì.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook