Archiviato in | Lavoro

ISTAT: ANCORA DISOCCUPATI NEL 2014

ISTAT: ANCORA DISOCCUPATI NEL 2014

“L’indagine Istat esprime ottimismo sulle condizioni generali dell'economia ma gli strascichi della crisi porteranno a un aumento del tasso di disoccupazione dall'11,9 al 12,3%”.

Print Friendly, PDF & Email

Istat. Secondo gli ultimi sondaggi Istat la caduta dell’occupazione, misurata in termini di input di lavoro, proseguirà per tutto il 2013 (-1%), mentre nel 2014, è prevista una graduale ripresa (+0,1%) a seguito del moderato miglioramento delle condizioni generali dell’economia. Ma il mercato del lavoro continua a mostrare segnali di debolezza. L’aumento delle persone in cerca di occupazione determinerà una crescita sostenuta del tasso di disoccupazione nel 2013 (+1,2 punti percentuali rispetto al 2012, raggiungendo il livello dell’11,9% in media d’anno). Ciò avrà inevitabili effetti di trascinamento anche nel 2014 con il tasso di disoccupazione previsto al 12,3% nonostante la crescita positiva del Pil.

Il risultato di questo andamento influirà sulla produttività del lavoro che diminuirebbe ulteriormente nel 2013 per tornare a crescere debolmente nel 2014. In riferimento a questa situazione il costo del lavoro per unità di prodotto risulterebbe in decelerazione durante l’intero periodo di previsione. Questa mancanza è associata al ritardo con il quale il mercato del lavoro si adeguerebbe alla ripresa economica e ai fenomeni di allungamento della durata della disoccupazione. Date le condizioni di debolezza del mercato del lavoro, le retribuzioni per dipendente mostrerebbero una dinamica moderata (+1.0%, nel 2013 e +1,3% nel 2014).

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook