Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: RAPINATORI TRADITI DALLE LORO IMMAGINI SU FACEBOOK

PALERMO: RAPINATORI TRADITI DALLE LORO IMMAGINI SU FACEBOOK

“Banda di rapinatori seriali traditi da facebook. Sono stati arrestati quattro giovani accusati di dieci rapine a uffici postali, banche, supermercati e gioiellerie. La Polizia ha confrontato le loro foto sui profili del social network con quelle delle telecamere di sorveglianza che ne hanno ripreso le scorribande dedite alle rapine”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. I quattro giovani palermitani sono stati traditi dalle loro immagini pubblicate su facebook e messe a confronto con quelle riprese dalle telecamere di sorveglianza. Tutti arrestati perché ritenuti responsabili di avere commesso dieci rapine tra marzo e luglio 2012 a Palermo, Bagheria, Ficarazzi e Bolognetta, in gioiellerie, banche, supermercati e uffici postali, in alcuni casi con modalità violente, spesso avvalendosi della collaborazione di un minore, che è stato denunciato a piede libero. I rapinatori, hanno accumulato un bottino complessivo di circa cinquantamila euro, sono tutti originari dello ‘Sperone’, ma operavano prevalentemente nel centro storico di Palermo. La banda agiva sempre a viso scoperto: determinante ai fini delle identificazione dei soggetti si è rivelato l’esame dei filmati estratti dai sistemi di sorveglianza degli esercizi commerciali rapinati, che gli investigatori hanno confrontato con le immagini pubblicate dai giovani rapinatori sui propri profili del social network facebook.

Questa operazione ha consentito smascherare la gang, alcuni dei quali legati da uno stretto rapporto di amicizia, che si dedicavano in forma seriale ed esclusiva alla organizzazione di rapine, per mantenere un dispendioso tenore di vita. Dai pedinamenti condotti nel corso delle indagini è infatti emerso che i rapinatori frequentavano locali alla moda della movida palermitana, indossando abiti griffati di cui non si privavano neanche quando facevano le rapine, si muovevano alla guida di costose motociclette e di scooter di grossa cilindrata. Uno degli elementi che ha inchiodato la gang è stato proprio il giubbotto tipo “bomber” di uno dei componenti, individuato nei fotogrammi estrapolati dagli impianti di video sorveglianza e poi rinvenuto nell’ambito di una perquisizione.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook