Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MUOS: ATTIVISTI DENUNCIANO, FORZATI I LORO PRESIDI CON VIOLENZA

MUOS: ATTIVISTI DENUNCIANO, FORZATI I LORO PRESIDI CON VIOLENZA

“Il Coordinamento regionale dei comitati No Muos di Niscemi denuncia che per ben due volte i militari americani e gli operai che lavorano alla base hanno rimosso i presidi apportando giustificazioni ridicole"

Print Friendly, PDF & Email

Muos. Il Coordinamento regionale dei comitati No Muos ha denunciato che “oggi per due volte, alle 7.40 e alle 8.30, in contrada Ulmo a Niscemi, in provincia di Caltanissetta, sono stati rimossi violentemente i blocchi di alcune decine di attivisti dei comitati No Muos e delle mamme No Muos di Niscemi e Caltagirone al passaggio di tre mezzi militari Usa e di quattro automobili degli operai che lavorano nella base della morte, mentre nel pomeriggio sono da poco transitati tre grosse autovetture con vetri oscurati e tre furgoni carichi di operai con lo stesso dispiegamento di forze”.

La denuncia degli attivisti:

“Oramai quasi giornalmente transitano i mezzi ed è tragicomico ascoltare le ridicole giustificazioni del commissario Presti per convincere a permettere il transito dei militari Usa e di qualche operaio”. Gli attivisti aggiungono che “sin dalle prime ore del mattino con grande dispiegamento delle forze del (dis)ordine le strade adiacenti sono state bloccate per impedire l’afflusso dei niscemesi. Il sindaco La Rosa anche stavolta era irrintracciabile e si è presentato dopo che gli sgomberi erano avvenuti. L’imbarazzo era notevole anche per le forze di polizia, costrette a intervenire non per arrestare appartenenti a clan mafiosi o per impedire i lavori nella base Usa di ditte sprovviste di certificato antimafia, ma per eseguire il vergognoso ordine di sgomberare pericolose sovversive come le mamme No Muos e gli antimilitaristi dei comitati e del presidio permanente”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook