Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MUOS: CONTINUANO I LAVORI NEL CANTIERE USA

MUOS: CONTINUANO I LAVORI NEL CANTIERE USA

“Registrata attività all'interno dell'area Usa, nonostante la revoca della autorizzazioni da parte della Regione Siciliana. Le immagini degli operai in attività hanno fatto il giro della rete”.

Print Friendly, PDF & Email

Muos. Le immagini non lasciano dubbi. A Niscemi nel cantiere del Muos, si continua a lavorare nonostante l’assemblea Regionale Siciliana abbia revocato tempo fa l’autorizzazione al mega impianto di radar degli Stati Uniti all’interno della riserva di Niscemi. Già da tempo i lavori nel cantiere americano dovrebbero essere stati sospesi, almeno fino a quando una commissione indipendente di esperti verificherà l’impatto delle onde elettromagnetiche sull’ambiente e sulla salute dei cittadini. Ma le immagini amatoriali dei “Fratelli No Tav”, girate durante una passeggiata nell’antica sughereta che si affaccia sulla base Nrtf, riprendono un gruppo di operai intenti a lavorare proprio all’interno del cantiere. Subito le mamme no Muos hanno chiesto al presidente della Regione Siciliana di verificare il grave abuso. Il console americano Moore aveva rassicurato che i lavori si sarebbero fermati fino al pronunciamento finale di una commissione di esperti che dovrà verificare l’impatto delle onde elettromagnetiche sulla salute dei cittadini che abitano nelle immediate vicinanze delle antenne Usa.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook