Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: COLPO AL CLAN SANTAPAOLA CONFISCATI BENI PER 12 MILIONI

CATANIA: COLPO AL CLAN SANTAPAOLA CONFISCATI BENI PER 12 MILIONI

“Maxi sequestro al clan Santapaola, confiscati beni per 12 milioni di euro alla famiglia di Natale D'Emanuele, reggente del gruppo del Castello Ursino. Risultano investimenti anche in un noto stabilimento balneare della Plaja”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Si tratta della continuazione dell’operazione ‘Cherubino’, iniziata nel maggio 2010, che ha disarticolato la ‘famiglia’ gestita dal boss Natale D’Emanuele reggente del gruppo del Castello Ursino per Cosa nostra. La Direzione investigativa antimafia di Catania ha sequestrato beni per 12 milioni di euro a esponenti del clan Santapaola. Sigilli sono stati posti a società, immobili e automezzi già sequestrati dalla Dia. La confisca ha riguardato beni del capomafia, della moglie e dei loro figli. Sigilli a 4 immobili, uno stabilimento balneare, 3 società di servizi di pompe funebri, una società immobiliare, una impresa del settore ittico, un autolavaggio, un punto scommesse, diversi automezzi e rapporti finanziari. Le indagini hanno individuato evidenti profili sperequativi tra i redditi dichiarati e il patrimonio posseduto tali da fondare la presunzione di un’illecita acquisizione patrimoniale derivante dalle attività delittuose connesse all’inserimento degli indagati nell’ambito del clan Santapaola.

Le indagini effettuate avevano rilevato che i D’Emanuele avevano investito ingenti capitali nel settore delle scommesse, delle pompe funebri, in quello ittico e immobiliare e nella ristrutturazione di uno stabilimento balneare, intestando le attività a persone compiacenti. Emersi anche investimenti nella ristrutturazione dello stabilimento balneare Lido Romina, nella Plaia di Catania che, dopo essere stato sequestrato nel 1994 e dissequestrato nel 2002 – sarebbe stato fittiziamente ceduto a persone compiacenti che ne hanno modificato la denominazione in ‘Sobha’ punto di riferimento per la movida estiva catanese. Il lido, elegantemente è stato ristrutturato con l’apporto economico dei D’Emanuele. I precedenti sequestri patrimoniali erano stati operati dalla stessa Dia nell’aprile del 2011 e nel febbraio del 2012 a seguito degli arresti operati nel maggio del 2010 che avevano consentito di neutralizzare l’operatività e le attività criminali poste in essere da componenti della famiglia D’Emanuele, il cui capostipite Natale, ritenuto ‘uomo d’onore’, è considerato reggente del ‘gruppo di Castello Ursino’ per il clan Santapaola.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook