Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LAMPEDUSA (AG): DON STEFANO INVITA IL PAPA NELL’ISOLA, “SANTITA, SI FACCIA PELLEGRINO A LAMPEDUSA”

LAMPEDUSA (AG): DON STEFANO INVITA IL PAPA NELL’ISOLA, “SANTITA, SI FACCIA PELLEGRINO A LAMPEDUSA”

“Questo l'invito di don Stefano al papa: “Santità, lei che è figlio di migranti si faccia pellegrino a Lampedusa - venga in questa comunità di frontiera dove ci sono migliaia di uomini senza patria e senza nome"

Print Friendly, PDF & Email

Lampedusa. Con una lettera aperta, arrivata alla Fondazione Migrantes e resa nota dal suo direttore generale mons. Giancarlo Perego, il parroco don Stefano dà il benvenuto a Francesco e gli parla dell’isola, “cuore del Mediterraneo, naturale crocevia di popoli e abitata da una comunità capace di farsi carico di gesti ascrivibili all’esercizio premuroso dell’incontro con l’altro”. “Santità, lei che è figlio di migranti si faccia pellegrino a Lampedusa – venga in questa comunità di frontiera dove ci sono migliaia di uomini senza patria e senza nome”. Questo è l’invito che don Stefano parroco di Lampedusa  rivolge al papa a nome di tutta l’isola, “estremo lembo d’Italia e d’Europa”. La nostra comunità, “frontiera senza frontiere”, la invita a farsi pellegrino in questo santuario del creato, dove per migliaia di migranti, senza patria e senza nome, è rinata la speranza del domani nella certezza amica dell’oggi”.

Così don Stefano descrive al papa il dramma dei migranti che approdano a Lampedusa dopo “l’amara e silenziosa traversata del mare. Mi piace pensare – dice il sacerdote – che le lacrime dei suoi occhi, sgorgate nel momento dell”elezione’, incrocino le lacrime di ogni uomo e di ogni donna che si trascina negli angoli della terra, tra le miserie della storia e la fatica di ogni giorno. Forse anche le Sue lacrime, Santità, sono in parte quelle di chi, figlio di migranti in una terra lontana, ritorna nella culla delle sue origini”. Poi la lettera si conclude: “Questa comunità mentre Le augura un buon cammino, Le chiede con semplicità di essere accompagnata dalla preghiera del suo cuore per continuare ad avere il coraggio di ‘camminare’, ‘edificare’, ‘confessare’, nella condivisione fraterna della gioia e del dolore dell’uomo che incontra lungo il suo incedere”, dice ancora don Stefano “Santità, il cuore del Mediterraneo La attende”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook