Archiviato in | Economia, Finanza, Fisco

PALERMO: REGIONE SICILIANA, “CREDITO D’IMPOSTA” PER FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA E FINANZIARIA IN SICILIA

PALERMO: REGIONE SICILIANA, “CREDITO D’IMPOSTA” PER FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA E FINANZIARIA IN SICILIA

Print Friendly, PDF & Email

“Siamo a meno novanta. Tanti sono, infatti, i giorni che ci separano dall’entrata a regime delle misure previste dal Credito d’imposta, lo strumento con cui in questo momento intendiamo fronteggiare la crisi economica e finanziaria che attanaglia l’economia regionale. Questi mesi saranno dedicati a proseguire la campagna di diffusione gia’ avviata e che coinvolge Ordini dei commercialisti, Camere di commercio, associazioni di categoria con cui a breve stipuleremo specifici protocolli d’intesa. Le imprese siciliane, o anche quelle che desiderano investire in Regione, saranno cosi’ messe nella condizione di agganciare subito la ripresa economica prevista per il prossimo anno”. Con queste parole ha esordito l’assessore per l’Economia, Gaetano Armao, intervenendo al seminario su “Credito d’imposta per nuovi investimenti: legge regionale 17 novembre 2009, n. 11”, organizzato dalla Direzione regionale delle Entrate, in collaborazione con la Regione Siciliana, l’Ordine dei dottori commercialisti e l’Unione dei giovani dottori commercialisti ed esperti contabili di Palermo.

“L’assessorato regionale all’Economia sta sostenendo un impegno molto grande, anche dal punto di vista organizzativo – ha aggiunto Armao – affinche’ tutto possa andare a regime, come previsto, a marzo prossimo. Abbiamo avviato una campagna di conoscenza che utilizza prevalentemente gli strumenti informatici. Partendo dal logo “Credito d’imposta”, presente sul sito della Regione siciliana, e’ gia’ possibile conoscere tutta la normativa e accedere alla modulistica necessaria. Intendiamo cosi’ velocizzare le procedure e tradurre concretamente l’impegno “riforma burocratica a costo zero” che e’ la caratteristica principale della legge sulla sburocratizzazione che sara’ discussa quanto prima dall’Ars. Ma non vogliamo rivolgerci solo alla Sicilia. In questi giorni alla Fiera dell’artigianato di Milano abbiamo stabilito un punto di incontro con gli operatori che riscuote un grande successo proprio su questo tema”.

“Le condizioni economiche della Regione, aggravate da una crisi internazionale molto pesante e da un Governo centrale che certo non si mostra molto attento alle nostre esigenze, ci impongono di fare affidamento innanzitutto sulle nostre risorse, che sono soprattutto umane, quelle appunto di tutti i siciliani. Dal punto di vista finanziario abbiamo messo in campo nella prossima legge finanziaria regionale il massimo di disponibilita’ economica per sostenere le attivita’ degli Enti locali e delle imprese e evitare che la crisi si abbatta sulle categorie piu’ deboli. Per questo motivo abbiamo deciso di anticipare sul bilancio regionale le somme necessarie per il primo anno di attivita’ del Credito d’imposta, in attesa che lo Stato ce le trasferisca con i fondi Fas, come previsto”. “La vera partita – ha concluso Armao – e’ quella sul federalismo.

Sono settimane e giorni decisivi. Siamo impegnati a Roma in una trattativa che eviti di trasformare il federalismo in una penalizzazione ulteriore per la nostra Regione. Cito solo un esempio, fra i tanti temi in agenda. Se il Governo centrale ci riconoscesse quanto ci e’ dovuto per Statuto sulle accise dei prodotti petroliferi, (il 40,33 % del totale nazionale degli oli combustibili viene trasformato in Sicilia) potremmo incassare circa 9 miliardi di euro. Con questa cifra potremmo sostenere l’intero costo del sistema sanitario regionale, e cosi’ eliminare l’Irap e abbattere l’addizionale ‘Irpef, ridurre la pressione fiscale sui siciliani e trasformare la Sicilia in una zona di vantaggio per lo sviluppo e gli investimenti”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook