Uccide a Licata la famiglia del fratello e si spara

L’omicida è agonizzante, intubato e trasferito in elisoccorso all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta. Le sue condizioni sono gravissime, i medici hanno constatato la morte cerebrale

Uccide a Licata la famiglia del fratello e si spara

Uccide a Licata la famiglia del fratello e si spara. Prima fredda quattro familiari, tra cui due minori di 15 e 11 anni poi fugge.

Uccide a Licata la famiglia del fratello e si spara

Uccide a Licata la famiglia del fratello e si spara. Rintracciato al telefono dalla moglie che assieme ai carabinieri cercavano di convincerlo a costituirsi, ma ha tenta il suicidio.

La strage si è consumata in un appartamento di via Riesi a Licata.

L’uomo, Angelo Tardino, 48 anni, ha ucciso con una pistola regolarmente dichiarata, il fratello, la cognata e due nipoti minori prima di fuggire.

Sotto i colpi di pistola sono caduti il fratello Diego Tardino, la moglie Alexandra Ballacchino, e i figli minori Alessia e Vincenzo.

Braccato dei carabinieri e rintracciato dalla moglie ha poi cercato di togliersi la vita in una strada distante dal luogo della strage, in contrada Safarello.

Dopo lo sparo avvenuto in diretta telefonica i carabinieri hanno pensato in un primo momento che fosse deceduto, ma arrivati sul luogo hanno scoperto che l’uomo respirava ancora.

Tardino, è agonizzante, intubato e trasferito in elisoccorso all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta. Le sue condizioni sono gravissime, i medici hanno constatato la morte cerebrale.

La Procura di Agrigento coordina le indagini sulla strage.

Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, basata sulle testimonianze di alcuni vicini, la strage sarebbe stata originata da una lite in famiglia (e non era la prima) per motivi di interesse legati alla suddivisione di alcuni terreni dove coltivano carciofi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*