Supermercato cambia gestione, protestano i lavoratori

Sit in degli operatori di Catania a Gelso Bianco. Il sindacato annuncia battaglia: «Non è solo questione di legge, ma di morale»

Supermercato cambia gestione, protestano i lavoratori

Supermercato cambia gestione, protestano i lavoratori. Sono 11 i dipendenti lasciati a casa. Sit-in esplode l’ira degli esclusi.

Supermercato cambia gestione, protestano i lavoratori

Supermercato cambia gestione, protestano i lavoratori. Lotta sulle spalle dei lavoratori esclusi dagli accordi delle imprese.

Nel mirino a Catania la contesa del settore della grande distribuzione.

Riprendono gli scontri sindacali per la salvaguardia dell’occupazione nei Supermercati con la protesta durante l’inaugurazione di un punto vendita.

Nel corso dell’inaugurazione del nuovo supermercato Paghi Poco di Gelso Bianco si registra la protesta di alcuni lavoratori, lasciati fuori nel passaggio da Eurospin al nuovo marchio.

Paolo Magrì, sindacalista Cisal si pone a capo del sit-in degli ex lavoratori Mar Aleo Srl ex affiliato Eurospin.

Afferma il sidacalista:

«Qui non funziona l’equazione nuovo punto vendita uguale occupazione».

Aggiunge Paolo Magrì:

«I lavoratori che sono stati ingiustamente lasciati a casa nel cambio di gestione dello storico negozio di via Gelso Bianco protestano in difesa del proprio lavoro».

Continua il rappresentante sindacale Cisal:

«Inutili i tentativi di mediazione che abbiamo tentato nei mesi precedenti coinvolgendo anche l’Ispettorato Territoriale del Lavoro».

«La manovra architettata ad arte tra il vecchio proprietario ed il nuovo gestore ha messo alla porta i lavoratori della vecchia gestione che si vedono defenestrati dopo oltre 10 anni di impeccabile servizio nel negozio».

Undici dipendenti non inseriti nel nuovo supermercato.

In tutto sono 11 i lavoratori non inseriti nella pianta organica della nuova struttura di vendita. Si tratta di Padri e madri di famiglia, in alcuni casi cinquantenni, in servizio da oltre un decennio.

Il nuovo proprietario inaugura la nuova gestione.

Il nuovo marchio avrebbe infatti rilevato l’immobile come se fosse vuoto e non precedentemente occupato da un altro supermercato.

Evidenzia il sindacalista della Cisal:

«A nostro avviso, al di là della legittimità della manovra di cambio di gestione che riserveremo di far valutare agli organi competenti,

rimane un obligazione morale e sociale a cui ogni buon imprenditore, così come ogni buon padre di famiglia, non si debba mai sottrarre».

Sottolinea Magrì:

«Parliamo di 11 lavoratori, 11 padri di famiglia tra cui genitori di figli affetti da grave disabilità che rimangono senza lavoro solo per volontà del “padrone” di dimostrare che è il più forte».

«Tutto questo, per noi, è assolutamente inaccettabile, percorreremo ogni strada pur di salvare anche un solo posto di lavoro».

In merito all’immediato futuro.

Le prossime mosse annunciate da Magrì saranno le proteste del sindacato a ogni apertura di punto vendita e comincerà col depositare le carte in Procura:

«Adiremo alle vie legali. C’è obbligo di legge che prevede l’assorbimento di questa forza lavoro e lo dimostreremo».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*