Etna, fontane di lava con cenere e lapilli

Alle 19 l’ampiezza del tremore ha raggiunto i valori massimi per poi cominciare una veloce diminuzione

Etna, fontane di lava con cenere e lapilli

Etna, fontane di lava con cenere e lapilli. Personale Ingv segnala una ricaduta copiosa di lapilli fino a 5-6 mm sulla località di Santa Tecla.

Etna, fontane di lava con cenere e lapilli

Etna, fontane di lava con cenere e lapilli. Il vulcano più alto e attivo d’Europa si fa risentire.

Secondo quanto rilevato dai vulcanologi dell’Ingv-Osservatorio Etneo, la fontana di lava dal Cratere di Sud-Est si è gradualmente esaurita.

In accordo con il modello previsionale, la dispersione ha riguardato il settore orientale del vulcano.

La nube eruttiva ha raggiunto un’altezza, derivata da dati satellitari, di circa 7.6 km.

Tecnici e studiosi Ingv segnalano una ricaduta copiosa di lapilli fino a 5-6 mm sulla località di Santa Tecla.

Etna, fontane di lava con cenere e lapilli

Inoltre, la fontana di lava ha prodotto un trabocco lavico lungo il versante meridionale del Cratere di Sud-Est che si è propagato in direzione Sud-Ovest.

Nel versante orientale, si osserva tuttora il terzo flusso lavico che si è generato dalla bocca effusiva di quota 3050, durante lo scorso episodio di fontana.

Quest’ultimo appare scarsamente alimentato e in raffreddamento.

Alle 19 l’ampiezza del tremore ha raggiunto i valori massimi per poi cominciare una veloce diminuzione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*