Stop ad AstraZeneca in Italia, Razza: «questo fa male» -video

L’assessore Razza: «Noi siamo reduci da una lunga riunione con le forze armate per prepararci a una vaccinazione di massa, ma l’atteggiamento di prudenza è nell’interesse dei cittadini».

Stop ad AstraZeneca in Italia, Razza: «questo fa male»

Stop ad AstraZeneca in Italia, Razza: «questo fa male» - video. L’assessore: «Quasi 115 mila i siciliani già vaccinati con AZ, tutto questo fa male».

Stop ad AstraZeneca in Italia, Razza: «questo fa male» -video

Stop ad AstraZeneca in Italia, Razza: «questo fa male» – video. Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci chiede risposte dalle autorità sanitarie europee e nazionali.

Afferma Musumeci:

«Tutti i nostri hub vaccinali, approntati per garantire migliaia di somministrazioni giornaliere, sono pronti alla riconversione delle dosi AstraZeneca bloccate, doverosamente, con altri vaccini».

«I siciliani hanno diritto a veder tutelata la loro salute!».

Continua il capo della giunta regionale:

«Nessuna polemica, ma al governo nazionale chiedo di aiutare chi è sul territorio a spiegare ai cittadini come comportarsi».

Infine, conclude Musumeci:

«Non si può mettere in discussione la campagna vaccinale».

In merito alla vicenda, l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza interviene con una conferenza stampa trasmessa anche sui social.

Afferma Razza:

«In Sicilia sono oltre 115 mila i cittadini che hanno ricevuto la prima dose di AstraZeneca. Quello che succede in queste ore fa male».

«I siciliani, che vedevano la luce in fondo al tunnel, sono giustamente preoccupati».

«Ora i cittadini che hanno ricevuto la prima dose si stanno chiedendo se avranno la seconda. L’Aifa su questo si pronuncerà domani».

L’assessore prosegue:

«Noi siamo reduci da una lunga riunione con le forze armate per prepararci a una vaccinazione di massa, ma l’atteggiamento di prudenza è nell’interesse dei cittadini».

Evidenzia l’assessore alla Salute:

«Io ritengo che l’Aifa abbia fatto molto bene a prendersi il tempo necessario, perché stava crescendo un sentimento di distacco dalla vaccinazione che era assolutamente sbagliato».

«Non bisogna guardare i vaccini con diffidenza, perché sono l’unico antidoto al virus».

Continua Razza:

«La campagna deve superare questo momento difficile. Nel portale della Regione da domani potranno prenotarsi i malati estremamente vulnerabili».

«L’obiettivo rimane quello di vaccinare tutti entro la fine dell’estate».

Conclude l’assessore alla Salute:

«Non dobbiamo perdere la speranza, ci sono milioni di vaccini sicuri nel mondo. Il virus fa sicuramente più paura di quanto ci faccia paura il vaccino».

Codacons prepara class action.

Dopo lo stop al vaccino, il Codacons in Sicilia scende in campo per intentare una azione risarcitoria a favore di tutti i cittadini della regione che, a seguito della somministrazione del vaccino anti-Covid, abbiano subito reazioni avverse gravi».

I Responsabili del Codacons Sicilia con una nota spiegano:

«Da giorni stiamo ricevendo le denunce dei cittadini che si sono sottoposti alla vaccinazione AstraZeneca e segnalano problemi, in alcuni casi anche gravi, insorti dopo la somministrazione delle fiale».

«Ovviamente dovranno essere le autorità preposte a valutare un possibile nesso di causalità tra le vaccinazioni e le reazioni avverse gravi».

«ma ciò che è certo è che, se saranno accertati errori o anomalie in merito al vaccino, i responsabili dovranno risarcire i cittadini per i danni arrecati sul fronte della salute e per i rischi fatti correre agli utenti».

In merito il Codacons raccoglie le pre-adesioni a una class action risarcitoria allo studio dell’associazione, recita il comunicato:

«alla quale possono aderire gratuitamente e senza impegno tutti i cittadini della Sicilia che riscontrino reazioni avverse gravi diverse dagli effetti collaterali indicati nel foglio illustrativo del vaccino AstraZeneca».

«Per partecipare all’iniziativa e segnalare reazioni avverse è sufficiente seguire le indicazioni alla pagina https://codacons.it/effetti-collaterali-vaccino-astrazeneca/».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*