Coronavirus in Sicilia, 479 contagi giornalieri e 24 morti

In Sicilia i positivi ancora sotto quota 500, ma ancora alto il numero di morti. In Italia leggermente giù la linea dei positivi, alti i decessi

Coronavirus in Sicilia, 479 contagi giornalieri e 24 morti

Coronavirus in Sicilia, 479 contagi giornalieri e 24 morti. Calano i test a 19.985. Nelle tre province più grandi i maggiori contagi.

Coronavirus in Sicilia, 479 contagi giornalieri e 24 morti

Coronavirus in Sicilia, 479 contagi giornalieri e 24 morti. Scendono i nuovi casi di covid-19 nell’isola (ieri 543), la regione è nona nel Paese.

I test effettuati nelle ultime 24 ore sono 19.985 quindi in calo rispetto a ieri. La percentuale dei positivi resta al 2,3%.

Le vittime causate dal virus sono 24. Le persone ricoverate negli ospedali sono 16 in meno (3 meno in terapia intensiva). I dimessi/guariti sono 559.

Ecco i nuovi contagiati suddivisi per provincia:

Palermo 144; Catania 115; Messina 101; Siracusa 34; Agrigento 34; Trapani 19; Caltanissetta 19; Ragusa 10; Enna 3.

In Italia leggermente giù la linea dei positivi, alti i decessi

Coronavirus in Sicilia, 479 contagi giornalieri e 24 morti

I positivi giornalieri in tutto il Paese sono 11.068, per un totale dall’inizio dell’emergenza di 2.721.879.

Le vittime nelle ultime 24 ore sono 221, un incremento che raggiunge un totale complessivo di 93.577 decessi.

I test eseguiti Sono 205.642, in calo di circa 85 mila rispetto a ieri, quando ne sono stati effettuati 290.534.

Il tasso di positività sale al 5,3% (ieri era 4,6%).

I ricoverati attualmente in terapia intensiva sono 2.085, 23 in più rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra ingressi e uscite.

I pazienti giornalieri in rianimazione sono 126. le persone ricoverate nei reparti ordinari sono 18.449, 51 in meno rispetto a sabato.

I positivi attualmente registrati sono 402.783, 1.370 in più rispetto a ieri.

Dall’inizio dell’emergenza i dimessi e i guariti sono complessivamente 2.225.519, rispetto a ieri 9.469 in più.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*