Gioele vivo dopo incidente, testimone conferma

la ricostruzione del testimone presente dopo l’impatto rivela che Gioele era vivo dopo l’incidente. La Procura lo ritiene: «attendibile»

Gioele vivo dopo incidente, testimone conferma. Il figlio di Viviana Parisi: «vivo, in braccio alla madre e senza alcuna ferita», spettatore assicura sua la tesi.

Gioele vivo dopo incidente, testimone conferma

Gioele vivo dopo incidente, testimone conferma. Attendibile la ricostruzione del testimone presente dopo l’impatto.

La dichiarazione resa nota dal procuratore di Patti, Angelo Cavallo, che,

indaga sulla morte della dj Viviana Parisi e sulla scomparsa del figlio di 4 anni della donna.

Il testimone avrebbe riferito che dopo l’incidente stradale:

«Gioele era vivo, in braccio alla madre, in posizione verticale e senza alcuna ferita».

Gioele, ha aggiunto il procuratore Cavallo:

«aveva gli occhi aperti» e il teste «è attendibile».

A parlare con la procura sono stati:

 «testimoni che erano in vacanza in Sicilia e poi sono rientrati al Nord».

All’inizio, ha spiegato il procuratore:

«avevano dei dubbi se fossero proprio loro, ma quando è stata diffusa la loro descrizione hanno capito che era quello l’incidente e si sono presentati».

Stamane Cavallo ha ricevuto i genitori di Viviana, che hanno chiesto di potere vedere le foto del corpo della donna trovata nelle campagne di Caronia lo scorso 8 agosto.

Gioele vivo dopo incidente, testimone conferma

Incontro per avere la conferma visiva che sia la loro figlia e per potere svolgere ricerche del nipote Gioele, di 4 anni, di cui non si hanno tracce dallo scorso 3 agosto.

Il procuratore ha però spiegato loro che non era possibile, ma che non ci sono dubbi sull’identità della vittima.

Ad accompagnare Luigino Parisi e la moglie c’era il genero Daniele Mondello.

Il legale di quest’ultimo, l’avvocato Pietro Venuti ha reso noto l’incontro.

Spiega il penalista:

«I genitori avevano dei dubbi addirittura sul fatto che si potesse trattare di Viviana e volevano visionare delle foto del cadavere.

Aggiunge Venuti:

«Gli è stato spiegato che, dai riscontri, in particolare la fede e i vestiti, erano sicuri si trattasse di Viviana e che non era il caso e non era possibile visionare le foto».

«Tuttavia hanno permesso ai genitori di fare delle ricerche autonomamente».

La famiglia Mondello: «presto nominerà un consulente di parte per verificare dinamica e danni dell’incidente stradale avuto da Viviana Parisi» prima della sua scomparsa per «fare chiarezza sulla vicenda».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*