Coronavirus a Catania, casi in aumento

Ruggero Razza: «Non abbassiamo la guardia. Prudenza e rispetto delle regole»

Coronavirus a Catania, casi in aumento. In Sicilia 162 positivi, nella città etnea 5 ricoverati e 13 in isolamento domiciliare.

Coronavirus a Catania, casi in aumento

Coronavirus a Catania, casi in aumento. Il numero totale di positivi nell’Isola è di 162, e si mantiene stabile rispetto agli ultimi giorni.

Sempre a Catania, 12 sono ricoverati (uno in terapia intensiva) e 150 sono in isolamento domiciliare.

Il dato di Catania tiene le autorità preposte in allerta.

Nella città etnea gli attuali positivi sono 18, cinque dei quali ricoverati nel covid hospital San Marco di Librino (in un caso è stata necessaria la respirazione forzata).

Gli altri 13 sarebbero in isolamento domestico. Tra i ricoverati risultano due componenti del nucleo familiare individuato a Librino.

A Misterbianco, invece, vi sono attualmente sette contagiati, cinque dei quali sono parte di un unico nucleo familiare.

L’Asp a tutt’oggi cerca di ricostruire e tracciare i contatti di tutti i pazienti.

Ieri l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza ha ribadito l’importanza dell’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale.

Afferma Razza:

«Voglio unirmi all’appello di molti esperti che, soprattutto in questi primi giorni di vacanza e in diversi territori del Paese, hanno notato un abbassamento del livello di cautela nei comportamenti».

Coronavirus a Catania, casi in aumento

Aggiunge l’assessore regionale alla Sanità:

Le regole che ci siamo dati qui in Sicilia nei momenti più difficili hanno prodotto dei risultati significativi nella lotta per contrastare il coronavirus che non possono essere vanificati.

Conclude Razza:

«Ecco perché ancora una volta desidero richiamare tutti alla prudenza ed al rispetto delle norme anti contagio per non sciupare quanto è stato fatto grazie al sacrificio ed al senso di responsabilità di ciascuno».

Intanto il sindaco di Modica, Ignazio Abbate, da qualche giorno invita i suoi concittadini a sottoporsi al test del tampone.

Specificando, solo se hanno avuto rapporti con la escort peruviana che è rimasta per 15 giorni a Modica, prima di trasferirsi in Umbria dove è risultata positiva al Covid 19.

Ora la donna è ricoverata nel reparto Malattie Infettive dell’Ospedale di Perugia.

Il sindaco di Modica ripete ai clienti della escort, temendo un focolaio nella sua città di fare i tamponi anti covid.

Spiega Abbate:

«Almeno 2 o 3 clienti al giorno per 10 giorni si traducono in almeno 30 persone che possono aver contratto il virus e averne contagiate altre a casa o al bar».

Intanto in Italia, le vittime sono al minimo storico dall’inizio dell’emergenza. Nelle ultime 24 ore sono decedute 3 persone positive. Non succedeva dallo scorso febbraio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*