MEDICI IN SCIOPERO

Medici Italiani incrociano le braccia

Medici in sciopero. Si tratta di una protesta nazionale di 24 ore per rinnovo del contratto e richiesta di maggiori fondi. Garantiti solo i casi urgenti.

MEDICI IN SCIOPERO

Medici in sciopero. Sanitari e veterinari del Sistema ospedaliero nazionale incrociano le braccia per 24 ore. Quindi, decretato lo stop a migliaia di interventi chirurgici programmati negli ospedali. Si preannunciano per oggi in tutta Italia inevitabili disagi per i cittadini.

Causa dello sciopero, la richiesta di maggiori fondi per la Sanità pubblica, che i sindacati dei camici bianchi definiscono “ormai al collasso”. Inoltre vi è sul tavolo anche il rinnovo del contratto di lavoro, fermo da dieci anni. Tengono a precisare le organizzazioni sindacali che la protesta è anche a favore dei cittadini stessi, per garantire a tutti un’assistenza adeguata.

Non si è fatto attendere l’intervento del ministro della Salute, Giulia Grillo che ha affermato: «nella legge di bilancio ci sono le risorse per onorare gli impegni presi rispetto ai rinnovi contrattuali 2019-21. Contestualmente è previsto l’aumento del fabbisogno sanitario nazionale standard (2019-21). Gli impegni previsti per il rinnovo della dirigenza da prime valutazioni si Medici in scioperoaggirano intorno ai 450 mln l’anno». La Grillo ha inoltre assicurato che: «Ci sono le premesse per rientrare nell’aumento programmato del Fondo sanità che vale 4,5 mld in 3 anni».

Alla protesta di oggi aderiscono tutte le principali sigle sindacali di categoria, incluse le maggiori, Anaao e Fp Cgil Medici. Nella giornata di sciopero nazionale sono decine le manifestazioni in programma in tutta Italia. Come previsto per legge, sarà comunque garantita la “continuità delle prestazioni indispensabili”.

Alla serrata parteciperanno anche gli specializzandi anestesisti, chiamati a raccolta dall’Associazione degli anestesisti e rianimatori (Aaroi-Emac), che invita gli specializzandi a rifiutarsi di sostituire gli specialisti aderenti alla protesta. A tal fine, in occasione dell’ultimo sciopero, fu inviata apposita segnalazione al ministro della Salute e al Comando dei Carabinieri per la Tutela della Salute.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*