LINGUAGLOSSA (CT): INDAGINI A TUTTO CAMPO PER ACCIUFFARE I LADRI

 

LINGUAGLOSSA (CT): INDAGINI SENZA SOSTA PER ACCIUFFARE I LADRI –

Linguaglossa. Prosegue senza sosta la ricerca dei malviventi da parte dei carabinieri del Nucleo Investigativo di Catania e della Compagnia di Randazzo per individuare i quattro componenti del commando riusciti a fuggire dopo aver rubato della merce dalla rivendita e, in un secondo tempo essersi impossessati della vettura e della pistola del maresciallo dell’Arma che fuori dal servizio aveva tentato di fermarli. Una ricerca incessante e capillare che ha già dato i primi risultati. Appena ventiquattr’ore dopo i fatti, i militari sono riusciti a recuperare l’arma d’ordinanza rubata. E proprio ieri, dopo due giorni serrate indagini in tutto il comprensorio ionico etneo con l’impiego anche di un elicottero, è stata rinvenuta l’automobile rubata al maresciallo che avevano usato i ladri per scappare. Ancora nessun dettaglio è trapelato sui luoghi del rinvenimento e sulle condizioni della vettura. Per quanto riguarda le traccie di sangue trovate sullo sterzo dell’auto usata dal commando si attendono importanti indizi che potrebbero arrivare dall’esito degli esami scientifici. Pare che il conducente della vettura, speronata dal maresciallo, potrebbe aver sbattuto violentemente il capo, ferendosi al viso. Intanto, l’intero paese è ancora sgomento per la vicenda accaduta nella notte tra domenica e lunedì scorso. In questi giorni i cittadini hanno manifestato la loro solidarietà e si sono stretti attorno alla vittima del furto e al comandante dei carabinieri della locale stazione, Giuseppe Cunsolo, che è intervenuto con coraggio nel tentativo di bloccare i malviventi. Per questa, coraggiosa azione su indicazione del sindaco Rosa Maria Vecchio, è stata approvata una delibera di giunta nella quale si propone un encomio al maresciallo della locale stazione dei carabinieri.