CATANIA: SALVO SOTTILE PRESENTA IL SUO NUOVO LIBRO – INTERVISTA

CATANIA: SALVO SOTTILE PRESENTA IL SUO NUOVO LIBRO –

Catania ha ospitato la presentazione di “Cruel”, il nuovo libro del giornalista Salvo Sottile. Doppio appuntamento per il giornalista “nato” dal giornale “La Sicilia” e adesso volto noto e apprezzato della televisione nazionale. Prima ha presentato il suo romanzo a “La Feltrinelli” e poi si è raccontato nel salotto televisivo di “Insieme” di Salvo La Rosa.

Come è nata l’idea del romanzo?

“Nasce da un dettaglio che è presente nelle pagine del libro. Ognuno dei personaggi potrebbe essere un potenziale colpevole, ma ci sarà un dettaglio che svela alla fine il vero colpevole. Il lettore dovrà distogliersi dalla storia e cercare di non seguire le sue convinzioni. Un po’ come dovrebbe succedere nella realtà. A volte si fa attenzione, fin troppo, all’aspetto fisico. Per arrivare alla verità si deve guardare con distacco i protagonisti”.

Oggi, in televisione, c’è quasi sempre cronaca nera. È un bene o un male?

“Capita che programmi di tutt’altro genere non sanno di cosa parlare e tirano fuori la cronaca nera. Purtroppo la nera viene spesso usata come doping per far accrescere il numero degli ascoltatori. Il pubblico è attratto da questi argomenti perché spesso s’immedesima nella vittima o nel carnefice. Ma quando si esagera si rischia di fare un grave danno sia all’inchiesta che alle vittime. Nel mio Quarto Grado ho voluto dare la voce a chi non era ascoltato e soffriva. L’obiettivo era quello di mettere l’informazione al servizio della gente”.

Cosa ricorda dei suoi esordi in Sicilia?

“Ero un cronista e lavoravo come una pallina da flipper. Avevo tanta voglia di raccontare delle storie e di arrivare per primo. Quando ho iniziato al Tg5 ero da solo in tutta la Sicilia, invece la Rai ne aveva 50”.

Ha raccontato i famosi processi di mafia. Ha mai avuto paura?

“Tanta e anche problemi. L’ho fatto in anni travagliati. Gli anni delle stragi. I corleonesi erano tutti latitanti, io vivevo a Palermo e andavano a rompere le scatole a mia madre”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*