CATANIA: IMPRENDITORE DENUNCIA PIZZO, 4 PERSONE IN GALERA

Catania. Su richiesta della locale Procura distrettuale Antimafia i Militari dell’Arma dei carabinieri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Catania, nei confronti di 4 persone ritenute responsabili di associazione mafiosa, estorsione, usura, spaccio di sostanze stupefacenti e rapina, con l’aggravante dell’articolo sette al fine di agevolare un sodalizio mafioso. In particolare, l’attività investigativa ha evidenziato legami tra gli indagati con il clan Mazzei di Catania e Assinnata di Paternò. Il provvedimento restrittivo è divenuto possibile grazie alla collaborazione di un imprenditore paternese che si è rifiutato di pagare il “pizzo” e respinto le minacce per costringerlo a piegarsi al racket delle estorsioni. La vittima aveva subito gravi atti intimidatori culminati nell’incendio di un mezzo della propria ditta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*