CITTÀ DEL VATICANO: ASPETTANDO LA NUOVA FUMATA

Città del Vaticano. Dopo le votazioni senza esito di stamane, nel pomeriggio se ne attendono altre due. Preghiere e concentrazione. Ma anche un sorriso può stemperare queste ore che dividono il mondo dalla fumata bianca. Sempre più gente, la piazza San Pietro è piena di ombrelli, a causa della pioggia battente. In mattinata la fumata nera dal comignolo della cappella Sistina, dove i cardinali sono riuniti da ieri per eleggere il pontefice. Anche nel secondo e nel terzo scrutinio, quindi, non è stato raggiunto il quorum. Intorno alle 12.30 i cardinali sono rientrati a Santa Marta per il pranzo.

Gli alti prelati già alle 16  si sono trasferiti nella Cappella Sistina, dove, a partire dalle 16.30, sono attese due nuove votazioni che potrebbero già designare il nuovo Pontefice. Durante l’incontro con i giornalisti padre Lombardi ha sottolineato che le due fumate nere, dopo i primi tre scrutini del conclave, sono un fatto “molto normale, non sono segno di nessuna divisione”. Padre Lombardi ha ricordato che nel secolo scorso solo papa Pio XII era stato eletto dopo tre scrutini. Poi con una battuta di scherzo il responsabile della sala stampa in merito al suo lavoro e dei suoi collaboratori ha chiosato: “Hanno cominciato a chiamarci Trinità”, parlando di se stesso e dei due sacerdoti che lo aiutano per la stampa di lingua spagnola e inglese. In queste ore di attesa, sempre più folla ansimante staziona nella piazza San Pietro bagnata dalla pioggia aspetta pregando l’esito delle votazioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*