CALCIO SERIE A: GOMEZ E BERGESSIO DECIDONO LA VITTORIA SUL PARMA

Calcio serie A. È come sempre argentina la sinfonia interna del Catania, un autentico rullo compressore al Massimino: Gomez in avvio e Bergessio nella ripresa regalano al Catania la vittoria numero 3 in campionato (tutte in casa) e la quinta piazza in classifica, in condominio con compagini del calibro di Roma e Fiorentina. Etnei bravi e cinici, abili a capitalizzare quanto costruito, a fronte di un Parma (in dieci dalla seconda metà del secondo tempo) che dimostra ancora una volta di perdere l’orientamento lontano dal Tardini.

Le scelte di Donadoni e Maran. Inedita la coppia d’attacco per i ducali: sono Amauri e Belfodil i prescelti, gli unici, nella mente del tecnico emiliano, capaci di poter impensierire con la propria presenza fisica la coppia Legrottaglie-Bellusci. In casa Catania, proprio Legrottaglie, non al meglio, stringe i denti e va dal primo minuto. Fuori Spolli e Marchese, quest’ultimo squalificato; a centrocampo Izco vince il ballottaggio con capitan Biagianti.

Torri mobili per il Parma; il Papu e il Pitu tagliano. A dispetto di statura e prestanza fisica, sia Belfodil che Amauri fanno molto movimento, provando a fare uscire i centrali rossazzurri e a favorire le folate di Biabiany e gli inserimenti di Parolo. Nel Catania, sono come al solito gli esterni d’attacco a fare la differenza tatticamente: individuato nel Parma e in particolare in Benalouane un avversario piuttosto friabile, il Papu Gomez è più attivo del solito nei tagli verso il centro del campo, come dimostra il gol del vantaggio etneo.

Catania più rapido dai blocchi; il Parma tira solo una volta. La gara si apre subito nel segno del tridente argentino del Catania. Appena al 2’ minuto, Barrientos inventa per Gomez, che sfrutta lo spazio creatogli da Bergessio per superare Mirante e portare in vantaggio i suoi. Il Parma accusa il colpo e non basta la voglia di Amauri a risollevare le sorti di una gara sin dall’inizio in salita. Nel primo tempo saranno ben otto i tiri dalla bandierina per la squadra di Donadoni, a fronte però di una sola chance da rete creata.

Benalouane ingenuo; Bergessio chiude i conti. Ad inizio ripresa il Parma prova a costruire gioco con Valdes, ma non è giornata per gli avanti ducali. Dopo una prima fase di studio, il secondo tempo porta per intero la firma di Gonzalo Bergessio: al 55’, lanciato a rete da Barrientos si vede respingere sulla linea da Paletta la palla del 2-0; all’80’ trova la via del gol perfettamente imbeccato da Izco; al 94’ trova la seconda rete personale, annullata però per una presunta (e dubbia) posizione di fuorigioco. In mezzo al monologo dell’attaccante etneo, Benalouane riesce a prendere due gialli in otto minuti (il secondo per un buffetto a Gomez a palla lontana), lasciando gli ospiti in dieci dal 60’. Nel finale, Donadoni gioca la carta Pabon ma la retroguardia etnea è sempre attenta.

Il tabellino.

CATANIA-PARMA 2-0

MARCATORI: 2′ p.t. Gomez; 35′ s.t. Bergessio

CATANIA (4-3-3): Andujar; Alvarez, Legrottaglie, Bellusci, Marchese; Izco, Lodi, Almiron (dal 44′ s.t. Ricchiuti); Barrientos (dal 29′ s.t. Biagianti), Bergessio, Gomez (dal 43′ s.t. Castro). (Frison, Messina, Rolin, Salifu, Doukara, Morimoto). All: Maran.

PARMA (3-5-2): Mirante; Benalouane, Paletta, Lucarelli; Biabiany, Parolo (dal 32′ s.t. Zaccardo), Valdes, Galloppa, Gobbi; Amauri, Belfodil (dal 18′ s.t. Pabon). (Pavarini, Bajza, McEachen, Fideleff, Morrone, Marchionni, Sansone, Rosi, Ninis, Acquah). All: Donadoni.

ARBITRO: Calvarese.

NOTE: Spettatori: 20mila circa. Espulso: Benalouane, al 24′ s.t., per somma di ammonizioni. Ammoniti: Galloppa, Biabiany, Lucarelli, Parolo, Biagianti, Mirante. Angoli: 10-2 per il Parma. Recupero: 0′ p.t.; 5′ s.t.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*