REFERENDUM: COME SI VOTA, “ISTRUZIONI PER L’USO”

Qui di seguito le istruzioni per il voto ai prossimi referendum del 12 e 13 giugno nei quali gli italiani saranno chiamati a esprimersi sulla privatizzazione del servizio idrico nazionale, sul ritorno all’energia nucleare e sul legittimo impedimento. Perché i referendum siano validi è necessario raggiungere il quorum del 50% + 1, perciò vi invitiamo tutti a condividere questo articolo affinché, a prescindere, che vinca il SI o il NO i cittadini italiani si avvalgano di questo prezioso e importantissimo strumento per esprimere la loro volontà sui quesiti  posti.

ORARI DI VOTO: domenica 12 giugno dalle 8 alle 22; lunedì 13 giugno dalle 7 alle 15;

DOCUMENTI UTILI PER VOTARE: è necessario avere a portata di mano la tessera elettorale e un documento di riconoscimento rilasciato dalla Pubblica Amministrazione munito di fotografia e timbro a secco;

DOVE SI VOTA: Si vota nel proprio Comune di residenza, nella sezione elettorale indicata sulla propria tessera elettorale.

ITALIANI ALL’ESTERO: hanno diritto al voto anche i cittadini italiani residenti all’estero e i cittadini italiani temporaneamente all’estero di cui all’art. 2, comma 1, del DL 37/2011 e possono votare seguendo due metodi:

1. Gli elettori italiani residenti all’estero in Stati che non hanno stabilito accordi con l’Italia possono votare solo in Italia;

2. Gli elettori italiani residenti all’estero in Stati che hanno stabilito accordi con l’Italia possono votare in Italia solo se hanno esercitato il diritto di opzione entro il 14 aprile 2011. Tutti gli altri possono votare solo per corrispondenza.

3. Chi risiede temporaneamente all’estero puo’ votare fuori dall’Italia solo se ha esercitato il diritto di voto entro l’8 maggio scorso.

VALIDITA’: il referendum è valido se si raggiunge il quorum, ovver il 50% dell’elettorato attivo in quanto si tratta di referendum abrogativo. Lo scopo è cancellare le leggi varate dal governo Berlusconi su ritorno al nucleare, sulla privatizzazione dell’acqua e sul legittimo impedimento.

 

I QUESITI

 

I quesiti che vi troverete davanti saranno i seguenti:

1) PRIVATIZZAZIONE DELL’ACQUA 1:

Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica. Abrogazione.

Volete voi che sia abrogato l’art. 23-bis (Servizi pubblici locali di rilevanza economica) del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 recante «Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria», convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, come modificato dall’art. 30, comma 26, della legge 23 luglio 2009, n. 99, recante «Disposizioni per lo sviluppo e l’internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia», e dall’art. 15 del decreto-legge 25 settembre 2009, n. 135, recante «Disposizioni urgenti per l’attuazione di obblighi comunitari e per l’esecuzione di sentenze della corte di giustizia della Comunità europea», convertito, con modificazioni, dalla legge 20 novembre 2009, n. 166, nel testo risultante a seguito della sentenza n. 325 del 2010 della Corte costituzionale?

 

2) PRIVATIZZAZIONE DELL’ACQUA 2:

Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito. Abrogazione parziale di norma.

Volete voi che sia abrogato il comma 1 dell’art. 154 (Tariffa del servizio idrico integrato) del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante «Norme in materia ambientale», limitatamente alla seguente parte: «dell’adeguatezza della remunerazione del capitale investito»?

 

3) RITORNO AL NUCLEARE:

Abrogazione delle nuove norme che consentono la produzione nel territorio nazionale di energia elettrica nucleare.

Volete voi che siano abrogati i commi 1 e 8 dell’articolo 5 del decreto-legge 31/03/2011 n.34 convertito con modificazioni dalla legge 26/05/2011 n.75?

 

4) LEGITTIMO IMPEDIMENTO:

Abrogazione di norme della legge 7 aprile 2010, n. 51, in materia di legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale, quale risultante a seguito della sentenza n. 23 del 2011 della Corte Costituzionale.

Volete voi che siano abrogati l’art. 1, commi 1, 2, 3, 5 e 6, e l’art. 2 della legge 7 aprile 2010, n. 51, recante «Disposizioni in materia di impedimento a comparire in udienza», quale risultante a seguito della sentenza n. 23 del 13-25 gennaio 2011 della Corte costituzionale?

 

LE SCHEDE

Le schede di votazione saranno di 4 tipi:

1) ROSSA e GIALLA per i due quesiti riguardanti la privatizzazione dell’acqua

2) GRIGIA per il ritorno all’energia nucleare

3) VERDE per il legittimo impedimento

 

COME SI VOTA:

 

Per votare “CONTRO” la privatizzazione dell’acqua, il nucleare e il legittimo impedimento  si deve barrare la casella con scritto “SI”. In poche parole: “VOTA SI PER DIRE NO”;

Per votare “PRO” l’inverso della procedura sopra indicata.

 

ATTENZIONE: le schede di votazione sono composte da materiale simile a carta carbone, perciò NON VANNO SOVRAPPOSTE mentre si vota, o si rischia di rendere nullo il voto stesso!

Si sottolinea nuovamente l’importanza della diffusione di queste informazioni al fine del raggiungimento del quorum e che tutti gli aventi diritto siano informati per poter esprimere il loro libero pensiero.

Per informare più persone possibili potete condividere queste istruzioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*