Calcio Catania esce dal concordato preventivo

Intanto prosegue la programmazione della prossima stagione del Catania in attesa della fatidica data del 5 agosto.

Calcio Catania esce dal concordato preventivo. Il Calcio Catania rende noto che il Tribunale ha accordato la richiesta di uscita dal concordato preventivo del club etneo. Sempre più vicina l'iscrizione in Serie C.

Calcio Catania esce dal concordato preventivo

Calcio Catania esce dal concordato preventivo. Con il ritiro dell’istanza di fallimento da parte della Procura avvenuto ieri,

il prossimo passo per facilitare l’iscrizione al campionato di Serie C sarebbe stato l’uscita dal concordato preventivo risalente a fine maggio.

E così oggi è arrivato il verdetto: stando a un comunicato ufficiale del Calcio Catania,

nell’udienza di ieri il Tribunale ha accordato la richiesta di abbandono del concordato in bianco presentata dalla società di via Magenta.

Dunque adesso per la SIGI si tratta di completare gli ultimi step prima della scadenza del 5 agosto,

data dopo la quale con alte probabilità il club etneo potrà partecipare alla stagione 2020/21 di Serie C.

Nel frattempo assume sempre più certezza la vicinanza tra il Catania e Giuseppe Raffaele, attuale tecnico del Potenza.

Secondo quanto pubblicato da Catania Channel, il club di Torre del Grifo avrebbe trovato l’accordo per un contratto biennale con l’allenatore di Barcellona Pozzo di Gotto,

essendo possibile in questo caso allontanare le voci in merito al potenziale arrivo di Gaetano Auteri sulla panchina rossazzurra.

Calcio Catania esce dal concordato preventivo

Questo il comunicato ufficiale:

“Durante l’udienza del 3 agosto 2020,

la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catania ha rinunciato all’istanza del maggio scorso per la dichiarazione di fallimento del Calcio Catania S.p.A.;

inoltre, in data odierna, è stata accolta la richiesta di abbandono del concordato preventivo recentemente avanzata dal nostro club”.

Prosegue il comunicato:

“Ancora una volta e come sempre nel pieno rispetto del principio di legalità, così disponendo il Tribunale ha contribuito in maniera decisiva al salvataggio della matricola 11.700”.

“Tale favorevole evoluzione, che in base ad un’attenta valutazione del quadro normativo federale si rendeva indispensabile ai fini dell’iscrizione al campionato Serie C 2020/21,

reca complessivamente il senso della piena approvazione dell’operato del Calcio Catania dal 24 luglio ad oggi”.

E precisa:

“Una lettura sistemica dei due provvedimenti consente, inoltre, di ricavare una certificazione di diritto che al contempo premia gli sforzi della società,

e incoraggia la stessa a proseguire nell’opera di ridefinizione dell’equilibrio economico-finanziario,

avviata privilegiando i concetti di affidabilità e sostenibilità”.  

Conclude il comunicato:

“Nel frattempo, continua alacremente l’espletamento delle incombenze relative all’iscrizione, in scadenza domani”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*