Caliò espone nella Tenuta Rasocolmo – intervista

La mostra del pittore Simone Caliò "D'Istanti" è inserita nel SummerFest ’20, appuntamento estivo durante il quale la natura ospita l’arte

Caliò espone nella Tenuta Rasocolmo - intervista. Il pittore presenterà le sue opere nel salone della Tenuta Rasocolmo (Me) dal 7 agosto.

Caliò espone nella Tenuta Rasocolmo – intervista

Caliò espone nella Tenuta Rasocolmo – intervista. Prosegue il viaggio della Personale “D’Istanti” di Simone Caliò.

Dalla Libreria Ciofalo – Mondadori Bookstore di Messina alla Tenuta Rasocolmo a Piano Torre, piccola frazione guardata dall’omonimo faro.

Dal 7 agosto 2020 gli ultimi acquarelli di Simone Caliò saranno esposti alla Tenuta Rasocolmo.

Infatti, la mostra “D’Istanti è inserita nel SummerFest ’20, l’appuntamento estivo durante il quale la natura ospita l’arte.

Tra i profumi di ulivi e del vigneto DOC Faro, s’affaccia l’antico casale, tanto evocativo della tradizione nella sala del palmento, quanto innovativo nella sala degustazione, un tempo la stalla.

Il SummerFest è ospitato nella tenuta di oltre dieci ettari, ripresa da Francesco Giostra Reitano nel 2004.

La Tenuta Rasocolmo dimostra come si possa valorizzare il naturale dialogo fra la natura e l’arte.

Perché la natura rimane l’opera d’arte originale.

La personale D’Istantidi Simone Caliò si potrebbe definire un evento a quattro mani.

Rasocolmo Art Resort presenterà due forme d’arte: la pittura e la prosa.

Da una parte la sezione artistica, curata da Mariateresa Zagone, con le tele di Simone Caliò, evocative del carpe diem,

delineato e contornato nei colori dei luoghi fissati nella memoria dell’anima.

Dall’altra parte la sezione letteraria da Elena Camaioni con il romanzo “L’uomo senza inverno” di Luigi La Rosa.

Storia di un genio dimenticato dell’Impressionismo, ovvero Gustave Caillebotte.

La serata d’inaugurazione proporrà l’incontro fra i due artisti in una reciproca intervista.

Da quale aspetto del libro sarà stato incuriosito il pittore?

Quale tema sarà evidenziato dallo scrittore sugli istanti perpetuati negli acquarelli?

Simone Caliò si definisce pittore espressionista, perché reinterpreta gli scenari percorsi tramite le proprie sensazioni.

Luoghi rarefatti, reali ed astratti, rivisitati nelle forme e fedeli nella solarità dei colori, leitmotiv dello “stile Caliò”.

Si legge nel capitolo “19 maggio 1863” nel romanzo di Luigi La Rosa, incentrato sul pittore e mecenate Gustave Caillebotte:

«Argomento del giorno era la nuova esposizione dei pittori Refusés, voluta da Napoleone III,

tra i quali spiccava Édouard Manet, autore del chiacchierato Le Déjeuner sur l’herbe

Caliò espone alla Tenuta Rasocolmo - intervista
Nella foto il pittore Simone Caliò

Come Honoré de Balzac nei romanzi, così Gustave Caillebotte sulle tele fotografava il romanzo realista.

Animato dalla quotidianità dei gesti, dalla narrazione di lavori umili, dalle passeggiate dei nobili sulla Paris Street,

E ancora dalle nuove architetture ai bordi del boulevard Haussmann e dei canottieri sulla Senna.

Se l’impressionismo riprende le forme che l’occhio guarda, allora l’espressionismo fa emergere i luoghi che l’anima vede, dove i sentimenti si combinano ai ricordi.

La forza creativa diventa concreta laddove le opere nascono, come la bottega di Simone Caliò.

Abbarbicata in cima ad una scala di un vicolo nell’antico borgo marinaro Contemplazione a Messina.

Nella bottega d’autore campeggia la Fiat 500 rossa, circondata dalle tradizioni messinesi affogate in una granita, dirimpetto ad una finestra sul mare.

Simone Caliò alla Tenuta Rasocolmo sarà l’alter ego di Gustave Caillebotte.

Di certo esponente di altra corrente artistica, ma egualmente portavoce D’istanti, che sfidano il tempo con il linguaggio dell’arte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*