FESTIVAL TEATRI DI PIETRA, TOSCA A SIRACUSA – VIDEO

Festival Teatri di Pietra, Tosca a Siracusa - Video. Un successo che sarà poi replicato in altri due gioielli dell'architettura greca, il Teatro Antico di Taormina (30 luglio ore 21,30) e il Teatro Greco di Tindari (4 agosto ore 21).

FESTIVAL TEATRI DI PIETRA, TOSCA A SIRACUSA – VIDEO

Festival Teatri di Pietra, Tosca a Siracusa – Video. Ha debuttato sabato 13 luglio alle 21, nel Teatro Greco di Siracusa, il Festival dei Teatri di Pietra, dove il Coro Lirico Siciliano, Ente organizzatore della manifestazione, ha portato in scena la Tosca.

Un successo che sarà poi replicato in altri due gioielli dell’architettura greca, il Teatro Antico di Taormina (30 luglio ore 21,30) e il Teatro Greco di Tindari (4 agosto ore 21).

La rassegna operistica si distingue anche per la qualità degli interpreti scelti per impersonare i ruoli principali.

Interpreti di fama internazionale come Svetla Vassileva (Tosca), Marcello Giordani (Cavaradossi) e Alberto Mastromarino (Scarpia), accanto a Claudio Levantino e Adonà;

oltre ai due complessi artistici di assoluto prestigio internazionale come il Coro Lirico Siciliano, istruito, come sempre, dal suo maestro stabile Francesco Costa, e l’Orchestra in residence.

A dirigere l’orchestra il maestro Gianluca Marcianò e alla regia Alessandro Cecchi Paone, che è riuscito magistralmente ad operare una lettura registica innovativa, ma nel solco della tradizione;

coadiuvato da Anna Aiello, regista collaboratore e da Claudio Mantegna, disegnatore luci.

Ampio spazio anche alle professionalità siracusane con la partecipazione del Coro di Voci Bianche diretto da Mariuccia Cirinnà.

Festival Teatri di Pietra, Tosca a Siracusa - Video

Le caravaggesche scene disegnate da Alfredo Troisi, i costumi della Sartoria Pipi e i reparti tecnici della TED Eventi completano il quadro di un’opera che è sogno, incanto e magia.

Questa Tosca si presenta fin da subito come bellezza di musica e di immagini.

La storia è seguita pedissequamente, così come le partiture e le indicazioni del maestro Puccini, ma sulla scena riusciamo comunque a scorgere qualcosa di nuovo.

Tosca è un’opera popolare, largamente conosciuta e rappresentata,

eppure, sulla scena il regista Cecchi Paone, e tutto l’entourage che se ne è occupato, è riuscito a restituire delle suggestioni nuove e allo stesso tempo profondamente legate alla tradizione.

Sulla scena gli attori si stagliano come se fossero dei veri e propri quadri viventi,

che subito uniscono la musica alla vista che, grazie anche alla monumentale location, coinvolge lo spettatore in un’atmosfera da sogno e senza tempo.

Parola chiave di questa Tosca, comunque, come è stato più volte dichiarato, è senza dubbio la presenza massiccia di suggestioni caravaggesche.

Festival Teatri di Pietra

Suggestioni che in più punti strizzano l’occhio allo spettatore attento che rimane attonito di fronte alla replica sulla scena di alcune delle opere più famose del Merisi.  

Racconta il regista: «Il riferimento a Caravaggio non è un riferimento cronologico, ma certamente se vogliamo ricordare che ci muoviamo dentro le chiese di Roma è essenziale».

«Ogni chiesa a Roma ha, o vorrebbe avere, un Caravaggio»;

«soprattutto c’è un riferimento ai chiaroscuri, ai contrasti, al nero, al verismo, al naturalismo che fanno dell’opera, appunto, un romanzo popolare».

Tra l’altro, la scelta di fondere gli elementi architettonici del Teatro greco di Siracusa con la scenografia si rivela sicuramente vincente.

Gli ambienti spaziosi e liberi e i continui rimandi alla pietra bianca del teatro, anche grazie ad un uso magistrale delle luci, rendono la composizione organica e quasi fatta su misura per la location.

Location che, nonostante non si presti strutturalmente all’esecuzione delle opere liriche, ha portato il pubblico a immergersi completamente nel contesto storico e spaziale;

Tosca a Siracusa - Video

ma soprattutto a portare l’opera in sé a una più vasta ricezione, in virtù delle sue origini popolari.

Ancora dichiara il regista: «Il primo passo per me è questo qui: far vedere l’opera in una maniera rilassata, tranquilla e molto estiva».

«Questo vuol dire essere molto tradizionali, perché molti queste opere non le hanno mai viste e non bisogna shockarli, ma con una serie di riferimenti e di suggestioni spettacolari e filologiche».

Per quanto riguarda la tradizione, però, ci sono momenti in cui essa è volutamente abbandonata e ce ne accorgiamo immediatamente dando un occhio più attento al personaggio di Tosca.

Tosca infatti è una donna moderna che veste panni ottocenteschi.

La sua gelosia, quei suoi modi un po’ frivoli fanno sorridere lo spettatore all’inizio, ma in realtà è una donna appassionata.

Una donna che lotta che sceglie di sacrificarsi per l’uomo che ama, ma che con furbizia riesce a scampare al subdolo ricatto di Scarpia.

Una donna che riafferma il suo diritto di amare liberamente e di concedersi liberamente solo a chi vuole.

Apparentemente si piega, ma solo per riaffermare la sua volontà, come la Giuditta caravaggesca alla quale magistralmente in scena è paragonata.

Festival Teatri di Pietra, Tosca a Siracusa - Video

L’unico suo difetto, che poi le sarà fatale, sarà quello di fidarsi dell’uomo sbagliato abbagliata da un effimero sogno di libertà che porterà la sua storia in tragedia.

Il suo rapporto con Scarpia, poi, ha certo un che di ambiguo perché non c’è solo piacere, ma c’è una forte attrazione tra Scarpia e Tosca e per certi versi forse anche un po’ reciproca.

Quest’uomo non è solamente un cattivo fine a se stesso, ma ha una forte carica psicologica, sa dove andare a toccare le parti sensibili delle persone che ha di fronte.

Più che un personaggio è un’entità, è una parte brutta dell’uomo e dell’umanità mitigata dalla cultura e dalla civiltà.

Personaggio antichissimo e attuale, con un forte potere in mano che usa per distruggere gli altri.

Tutto il contrario di Cavaradossi, che forse è un po’ il suo alter ego, con la caratura morale del classico eroe romantico.

È invaso dall’amore per una donna e quello per la sua patria, che affermerà fino alla fine senza mai pentirsene: un patriota amante del bello, dell’amore nel senso più grande del termine.

Festival Teatri di Pietra, coro lirico siciliano

Questa Tosca rappresenta «un vero e proprio riscatto per la nostra terra -spiega il maestro Costa-, la terra degli dei».

«È nato finalmente un vero e proprio festival in Sicilia, il festival dei Teatri di Pietra».

«Per la prima volta il Coro lirico siciliano è riuscito ad unire sotto l’insegna dell’arte, della qualità e del rispetto, soprattutto degli artisti della nostra terra, tre gioielli architettonici».

«Un titolo unico per questi tre teatri: una Tosca caravaggesca».

«Questi spettacoli sono delle vere e proprie sfide, perché la nostra terra è molto lenta, molto difficile»;

«però il Coro lirico siciliano ha sempre sfidato e sperato di vincere e questa è una vittoria per noi e per la nostra terra».

«Dopo anni di tour internazionali è giusto che i siciliani cantino nella loro casa».

Con l’augurio, quindi, che questo primo anno sia il primo di una lunga serie.

Alessia Consiglio

Foto e montaggio video Davide Sgroi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*