SOLO L’AMORE CONTA ALLA SALA CHAPLIN – INTERVISTE

Lo spettacolo-tributo a Pier Paolo Pasolini scritto e diretto da Nicola Costa

Solo l’amore conta alla sala Chaplin. L’amore è il motore propulsore di tutta la pièce che si snoda in tutte le tematiche e si intreccia nella sua complessa biografia che dipende in origine nel rapporto di Pasolini con i propri genitori.

SOLO L’AMORE CONTA ALLA SALA CHAPLIN – INTERVISTE

Solo l’amore conta alla sala Chaplin – Interviste. Ha debuttato mercoledì 3 luglio (con repliche previste fino a domenica 7) alla Sala Chaplin di Catania “Solo l’amore conta”.

Lo spettacolo-tributo a Pier Paolo Pasolini scritto e diretto da Nicola Costa, rappresentato dal gruppo del Centro Studi Teatro e Legalità di Catania.

La rappresentazione distanza di quasi cinque anni dall’ultimo allestimento catanese che ha fatto registrare unanimi consensi di pubblico e critica.

Il successo dell’opera è stato immediato, conquistando un pubblico variegato e suscitando intense emozioni.

Successo grazie al magnifico lavoro dei quindici attori presenti in scena che con dialoghi intensi e ragionati, pensati per un pubblico sensibile e sicuramente appassionato dalla figura di Pier Paolo Pasolini.

Nicola Costa afferma: “Parlare di Pasolini ai giorni d’oggi è un atto dovuto e al tempo stesso rivoluzionario».

La sua poesia, il suo pensiero, il suo orientamento alla bellezza, la sua contestazione sono quanto mai attualie rappresentano gli elementi determinanti sui quali ho costruito il testo.

Solo l’amore conta alla sala Chaplin - Interviste

«Questo è uno spettacolo che partendo dalla consapevolezza che il teatro, oggi più che mai, è arte ma anche strumento di riflessione»

Non si tratta di: «semplice intrattenimento ma sollecitazione, provocazione orientata alla riflessione, contributo».

Nicola Costa artista catanese dal curriculum prestigioso da poco insignito del premio della XVIII Kermesse di Moda Teatrale, sezione “Sviluppo Culturale”.

l’evento organizzato dalla Prof.ssa Liliana Nigro, docente dell’Accademia di Belle Arti di Catania, lo ha consegnato:

per la competenza artistica e per il valore sociale dei suoi testi di denuncia che da sempre toccano temi delicati ed attuali come, fra i tanti, l’immigrazione, la lotta alla mafia, la corruzione politica.

Solo l’amore conta alla sala Chaplin - Interviste

Il tributo a Pasolini si allinea con la sua ricerca, con il suo stile drammaturgico impegnato ma al tempo stesso capace di emozionare anche lo spettatore più critico.

Nonostante le molteplici difficoltà ambientali e temporali, il lavoro posto in essere sul territorio dal Centro Studi Teatro e Legalità diretto dallo stesso Costa non può che considerarsi fondamentale.

Sul palco del teatro i quindici interpreti di grande sensibilità e orientamento artistico hanno dato vita ad una pièce complessa dal punto di vista linguistico, semantico e contenutistico.

nel corso della quale si racconta prima di tutto l’amore, ma anche lo scempio determinato dagli effetti del consumismo, il pensiero e la contestazione pasoliniana la lotta e gli ideali del grande scrittore bolognese.

Il tutto attraverso una serie di rimandi ad alcuni importanti fatti di cronaca nera e politica su cui lo stesso Pasolini ha più volte puntato l’attenzione.

Spazio anche alla ricostruzione biografica della vita del poeta con uno sguardo rivolto ai rapporti familiari, alle emozioni per le prime scritture.

Solo l’amore conta alla sala Chaplin - Interviste

Considerando anche i rapporti spesso contrastati con la stampa del tempo e un’analisi su quella porzione di Italia che mutava, rimanendo tuttavia intrappolata nei contrasti tra borghesia e sottoproletariato.

La scenografia è uno sfondo nero con secchi e scatole ricoperti di carte di giornale.

Dove gli attori inscenano una sorta di biografia recitata di Pier Paolo Pasolini con l’aggiunta delle tematiche a lui più care e a cui ha dedicato tutta la sua esistenza.

Inizia recitando un monologo che racconta cosa succederà dopo il giorno della sua morte (il 2 novembre 1875), come verrà giudicato e come verrà ricordato.

Gli altri personaggi sono come un’espansione della sua personalità che poi si tripartirà in operai, madri e prostitute, una triade che esprimerà le sue idee di borghesia, consumismo, famiglia, guerra e amore.

Solo l’amore conta alla sala Chaplin - Interviste

L’amore comunque è il motore propulsore di tutta la pièce che si snoda in tutte le tematiche e si intreccia nella sua complessa biografia che dipende in origine nel suo rapporto con i suoi genitori.

Consumismo, sesso, social network… sono nominati come argomenti scottanti che causano allergia e l’amore.

Emblematicamente, nessuno è in grado di pronunciarlo in maniera corretta e viene conosciuto dai personaggi solo perché propagandato attraverso il linguaggio della televisione e fisico mimico.

dice il regista Nicola Costa: «Pasolini è di grande contemporaneità, si colloca in quel filone che si suole definire di drammaturgia contemporanea»

Inoltre il regista ci lascia anche un suo commento personale sul teatro: “Mi piace pensare al teatro come uno strumento contributivo»

Solo l’amore conta alla sala Chaplin - Interviste

Aggiunge: «uno strumento che dia forza alle idee e che sia non il fine, ma il mezzo attraverso il quale le idee i pensieri e le riflessioni possano trovare posto.

Continua Costa, un posto: «in una quotidianità sin troppo intossicata, bombardata dai social network e da altri linguaggi».

Poi conclude con una frase di Pier Paolo Pasolini: «Forse un giorno sarò un pesce con le ali impegnato a raccontare le mie storie altrove».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*