TEATRO DEL CANOVACCIO, APPLAUDITO MEIN KAMPF KABARETT – INTERVISTE

spettacolo d'eccezione che riesce a conquistare il pubblico

Teatro del Canovaccio, applaudito Mein Kampf Kabarett. Uno spettacolo d'eccezione, la pièce, riesce a conquistare il pubblico con una base semplice, ma un significato profondo, difficile da dimenticare.

TEATRO DEL CANOVACCIO, APPLAUDITO MEIN KAMPF KABARETT – INTERVISTE

Teatro del Canovaccio, applaudito Mein Kampf Kabarett. Ha debuttato giovedì scorso al Teatro del Canovaccio, Mein Kampf Kabarett, una produzione Mezzaria Teatro.

La pièce, scritta da George Tabori, viene proposta in una versione diretta da Nicola Alberto Orofino, che porta in scena uno spettacolo all’avanguardia, curato nei minimi particolari e ricco di riferimenti culturali e simbolismo.

Teatro del Canovaccio, applaudito Mein Kampf KabarettLa trama, all’apparenza semplice, racconta la vicenda di un giovane Adolf Hitler (Giovanni Arezzo), il quale, rifiutato dall’Accademia di Belle Arti, trova rifugio in un ospizio, dove conosce gli ebrei Herzl (Luca Fiorino) e Lobkowitz (Francesco Bernava) e la frizzante Gretchen (Alice Sgroi).

Da qui la storia si snoda in un susseguirsi di riflessioni profonde, dialoghi acuti e battute a cui lo spettatore può solo ammiccare, perché dietro ad ogni parola si nasconde un significato cupo.

Proprio quando la storia non sembra né più, né meno che il racconto di una vita qualsiasi, interviene la Morte (Egle Doria) che recluta il futuro Fuhrer come suo aiutante, con la promessa che faranno grandi cose insieme.

Orofino ha dunque portato in scena uno spettacolo sottile, arguto, che va assaportato tutto d’un fiato e che lascia senza parole.

Gli attori seguono il gioco in una performance da brividi. Giovanni Arezzo, dimostra un grande controllo in scena, creando un personaggio carismatico ed estremamente interessante. Luca Fiorino regala una performance che fa ridere e commuovere allo stesso tempo.Teatro del Canovaccio, applaudito Mein Kampf Kabarett

Francesco Bernava costruisce con maestria un personaggio enigmatico, mentre Alice Sgroi si distingue nell’interpretazione del personaggio più comico fra tutti. Infine, Egle Doria ribalta la scena, catturando l’attenzione del pubblico con una performance breve, ma efficace.

Uno spettacolo d’eccezione, dunque, Mein Kampf Kabarett, che riesce a conquistare il pubblico con una base semplice, ma un significato profondo, difficile da dimenticare.

Valentina Reito

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*