CATANIA-REGGINA 1-0

Catania-Reggina 1-0. I rossoazzurri ottengono una vittoria sofferta fino all’ultimo minuto e conferma le aspettative dichiarate nella precedente conferenza stampa dal mister Sottil in merito alla continuità e all’incisività che la squadra deve mantenere fino alla fine del campionato.

CATANIA-REGGINA 1-0

Catania-Reggina 1-0. Il motore d’azione che deve spronare il Catania a perseguire la vittoria in casa risiede nel mantenimento della continuità da dimostrare di fronte ai tifosi del “Massimino” contro la Reggina. Andrea Sottil schiera i rossoazzurri con il 4-2-3-1, riconfermando dunque il quartetto difensivo utilizzato a Castellammare di Stabia formato da Simone Ciancio e Luigi Scaglia sulle fasce e il duo Aya-Silvestri al centro.

A centrocampo torna titolare Giuseppe Rizzo ad affiancare capitan Biagianti alle spalle di Francesco Lodi, quest’ultimo regista a supporto degli esterni Maks Barisic e Andrea Vassallo, anch’esso riproposto titolare, mentre in attacco piena libertà di movimento al centravanti Alessandro Marotta.

A contrastare la formazione casalinga, la Reggina di Roberto Cevoli si presenta con un 4-3-3, tipico modulo utilizzato più volte dal tecnico granata. A reggere la difesa calabrese spazio a Niko Kirwan e Diego Solini, quest’ultimo preferito ad Alex Redolfi, mentre sulla mediana riflettori puntati su Urban Zibert, giocatore sloveno in prestito dalla Juve Stabia che ha già segnato al Catania nella stagione 2015/2016 con la maglia dell’Akragas.

In posizione d’attacco spazio al tridente composto da Tiziano Tulissi, Edoardo Tassi e dal bomber ex Juve Stabia Salvatore Sandomenico. Subito dopo il fischio d’inizio, il Catania parte con lo sprint e realizza numerose occasioni propositive grazie ad efficaci scatti in avanti sulle fasce occupate da Vassallo e Barisic.

I due esterni si mettono immediatamente in mostra, Vassallo si specializza nel dribbling mentre l’esterno sloveno partecipa alle azioni d’attacco come al 4’ quando prova una conclusione sull’angolino sinistro della porta, ricevendo pure lo sconforto di Marotta che aveva reclamato il passaggio.

Per la Reggina arriva un altro spavento al 19’: su corner battuto da Lodi, Scaglia da fuori area si coordina al volo e tira una cannonata verso l’estremo difensore Confente, il quale realizza un intervento miracoloso e manda la palla ancora una volta in corner.catania_reggina_1-0

In diversi momenti salienti del match i rossoazzurri si mostrano insidiosi e danno una lezione di “calcio champagne” agli avversari come all’8’ quando Biagianti prova una conclusione potente al volo a porta scoperta che colpisce la traversa e successivamente si insacca, e al 34’ con Marotta che prova una mezza girata respinta dal portiere granata; sfortunatamente per il Catania però, le due occasioni vengono vanificate dalla posizione di outside dei due giocatori.

Nel corso dei tre minuti di recupero concessi dal direttore di gara, è il solito Marotta a tentare la rete dell’uno a zero a tu per tu con Confente ma senza un risultato concreto. Fino alla fine dei primi quarantacinque minuti si evince un Catania abbastanza propositivo che concede pochi spazi alla Reggina e prova ad essere incisivo nelle ripartenze.

Alla ripresa del secondo tempo la Reggina prova a contrastare il dominio etneo spostando il baricentro in posizione arretrata, mentre il Catania sfrutta ogni secondo per superare la linea difensiva granata e sbloccare il risultato.

Nonostante la poca dinamicità che emerge da un gioco di palla prevalentemente in zona di centrocampo, al 69’ Marotta manca il gol del vantaggio e non riesce a cambiare la situazione. Anche i granata si dimostrano propositivi e pericolosi soprattutto nel secondo tempo grazie ad Emmausso che, subentrato al posto di Tassi, al 77’ svirgola a distanza ravvicinata dalla porta difesa da Pisseri senza segnare.

Quando ormai l’entusiasmo dei tifosi viene sopraffatto dalla delusione di portare a casa il secondo pareggio consecutivo, all’88’ il Catania ribalta il risultato e riesce a segnare il gol dell’uno a zero grazie a un esperto, Marotta, il quale, su corner di Llama entrato in campo al 61’ per Biagianti, sfrutta una papera commessa da Confente che non riesce a bloccare efficacemente il pallone, concedendo così al centravanti etneo di insaccare il pallone in rete ed archiviare virtualmente il match.

Dunque il Catania ottiene una vittoria sofferta fino all’ultimo minuto e conferma le aspettative dichiarate nella precedente conferenza stampa dal mister Sottil in merito alla continuità e all’incisività che la squadra deve mantenere fino alla fine del campionato.

 

CATANIA-REGGINA 1-0

 

CATANIA (4-2-3-1): Pisseri; Ciancio, Aya, Silvestri, Scaglia (dal 79? Baraye); Rizzo, Biagianti (dal 62? Curiale); Barisic (dal 75? Manneh), Lodi, Vassallo (dal 62? Llama); Marotta.

A disposizione di Sottil: Pulidori; Bonaccorsi, Esposito, Lovric, Bucolo, Angiulli, Rizzo, Brodic.

 

REGGINA (4-3-3): Confente; Kirwan, Conson, Solini, Mastrippolito (dal 46? Zivkov); Marino (dal 81? Navas), Zibert, Petermann (dal 64? Franchini); Tulissi, Tassi (dal 64? Emmausso), Sandomenico (dal 75? Redolfi).

A disposizione di Cevoli: Licastro, Vidovsek; Ciavattini, Pogliano, Bonetto, Viola, Ungaro.

 

ARBITRO: Camplone di Pescara

MARCATORI: Marotta al 88?

AMMONITI: Petermann (R), Silvestri (C), Conson (R), Emmausso (R)

RECUPERO: 3’ pt.; 4’ st.

Martino Schillaci

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*