CORTE DEI CONTI DIFFIDA ARS STABILIZZAZIONI PORTABORSE

stabilizzazione portaborse

Corte dei Conti diffida Ars stabilizzazioni portaborse. Arrestate le speranze di una parte dei precari siciliani per una eventuale stabilizzazione. Dopo la norma votata dall’Ars inserita nella finanziaria siciliana, la Corte dei Conti dice no. Di fatto questo diniego non incide sulla stabilizzazione dei precari della regione o dei Comuni (ex Pip, Asu ecc.) che seguirà percorsi diversi.

CORTE DEI CONTI DIFFIDA ARS STABILIZZAZIONI PORTABORSE

Corte dei Conti diffida Ars stabilizzazioni portaborse. I magistrati contabili si sono pronunciati ieri, e la notizia si è appresa a tarda sera. L’allarme della Corte in merito alla stabilizzazione di alcuni precari, declarata dal parlamento siciliano, è negativa. I magistrati contabili dello stato hanno stabilito che i gruppi parlamentari non possono procedere alla stabilizzazione nella p.a. dei nuovi portaborse ne di quelli precedenti, stoppando le aspettative anche agli 84 stabilizzati negli anni passati. Quindi, questo diniego alla contrattualizzazione a tempo indeterminato, apre le porte a nuovi contratti esterni al Parlamento e si pone in contrapposizione a quanto indicato dall’opinione pubblica e dai provvedimenti in questi ultimi anni. La Corte stabilisce che il personale in questione, dovrebbe cessare le proprie funzioni con la chiusura del gruppo che lo ha assunto.

Così, i gruppi parlamentari vengono considerati soggetti giuridici che nascono e terminano il loro ruolo con la legislatura. E anche se, terminata la legislatura, il successivo gruppo rappresenterà la stessa compagine politica, di fatto dovrà essere considerato un soggetto diverso, quindi paragonato a una nuova azienda che si forma e che poi termina il proprio ciclo a fine legislatura. Questo concetto però non incide sulla stabilizzazione dei precari della Regione o dei Comuni (ex Pip, Asu ecc.) che seguirà sicuramente Corte dei Conti diffida Ars stabilizzazioni portaborsepercorsi diversi. La Corte sembra mettere una barriera e aprire alle scelte autonome dei gruppi, rimuovendo l’obbligo a utilizzare, prioritariamente, il personale ‘stabilizzato’ ovvero gli 84 che un decennio or sono l’Ars ha inserito nel proprio bacino.

Ma la vicenda alla luce dei fatti, ancora non chiarisce il pronunciamento dei magistrati contabili. Il fatto che i gruppi non avrebbero potuto stabilizzare, era già noto proprio per i motivi ribaditi dalla Corte. Ma le 84 persone, furono stabilizzate dal Parlamento Siciliano che è, invece, un soggetto stabile e perenne, quindi, l’applicazione del contratto a tempo indeterminato avvenne con un accorgimento particolare: il parlamento li assunse per utilizzarli, di volta in volta, alle dipendenze dei gruppi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*