LICENZIAMENTI AUCHAN, C’E POSTO SOLO PER 45

Trattative licenziamenti Auchan

LICENZIAMENTI AUCHAN, CONTINUA LA TRATTATIVA

Licenziamenti Auchan, continua la trattativa. Continuano i contatti tra lavoratori e vertici dell’azienda Auchan nella vicenda dell’ipermercato catanese, ormai destinato a chiudere. Secondo la Filcams Cgil per i licenziamenti Auchan: «la proposta di Auchan per ricollocare solo 45 su 101 lavoratori non può essere giudicata soddisfacente; seppure sia da considerare importante il segnale di apertura da parte dell’azienda».
In merito ai licenziamenti Auchan, mercoledì prossimo è stato fissato un confronto tra l’azienda e i sindacati, che rappresentano i dipendenti a rischio licenziamento a San Giuseppe La Rena,  continua la Filcams:  «Il percorso non si preannuncia però lineare, visto che da una parte Auchan ha annunciato di avere 139 posizioni aperte solo nei punti vendita del Settentrione, in regioni come la Lombardia, la Liguria o il Piemonte, dall’altra gli incentivi ad abbandonare volontariamente l’occupazione non appaiono convenienti».

Nello specifico: «le proposte prevedono per 13-15 persone una ricollocazione sui negozi Sma Simply. Dieci posizioni sono invece previste ad Auchan di Carini (Pa), dieci all’Auchan di Mellili (Sr), due posizioni sarebbero ricollocate con la formula delle ‘politiche attive’». L’opzione Manpower conta invece 15 posizioni; seguono 10 posizioni a Porte di Catania. L’incentivo all’esodo ammonta a 35 mila euro. Intanto la Filcams Cgil di Catania in questi giorni tenta anche un confronto con Bricoman e Leroy Merlin, sempre del gruppo Auchan.

Il segretario provinciale della federazione Ugl terziario Carmelo Catalano e il suo vice Vito Tringale nel merito hanno commentato: «Non è ciò che auspicavamo, ma sicuramente è già un passo in avanti rispetto al licenziamento collettivo dei lavoratori paventato soltanto una decina di giorni fa», inoltre sempre Catalano e Tringale affermano di: «accogliere la proposta di ricollocazione per molti di essi” ma auspicano “che sia la Prefettura a farsi garante di chi rimarrà fuori attraverso la creazione di un bacino di ‘diritto di prelazione’, da cui altre realtà commerciali di questo settore potranno attingere per assumere il personale».
Secondo i due sindacalisti: «Ciò che non ci convince parecchio è il transito di oltre 30 unità verso la ditta che cura la pulizia dei locali, considerato che con il contratto che si andrà ad applicare i lavoratori stessi andranno a perdere in termini economici e di tutele acquisite, così come siamo perplessi sulle proposte di trasferimento fuori dalla Sicilia. Quel che è certo è che, da oggi, saremo vigili sull’intera procedura, poiché riteniamo che i dipendenti sono tutti uguali e che non vi debba essere nessun tipo di sperequazione tra essi. auchan_sit_in_lavoratoriPer questo motivo chiediamo già da oggi la scelta condivisa di criteri ben definiti per la realizzazione delle ricollocazioni, in particolare quelle che riguardano i 15 posti disponibili nella catena Simply e 10 nel negozio Auchan di “Porte di Catania”.
Catalano e Tringali in conclusione auspicano: «Ci auguriamo, infine che venga accolta la nostra proposta su un aumento delle risorse riservate per l’incentivo all’esodo dei lavoratori part-time e che quanto stabilito a seguito del tavolo tecnico con il sindaco di Catania sul coinvolgimento delle aziende del comparto locali per l’assorbimento delle unità licenziate, sia presto realtà utile a garantire il mantenimento dei livelli occupazionali in città».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*