AL TEATRO DEL CANOVACCIO “TUTTO IL RESTO HA POCA IMPORTANZA”

 

 

AL TEATRO DEL CANOVACCIO “TUTTO IL RESTO HA POCA IMPORTANZA” –

La vicenda è descritta nelle righe del comunicato stampa: La triste storia di Laura Salafia, la studentessa universitaria colpita nel 2010 da una pallottola vagante a piazza Dante all’uscita di un esame e da allora tetraplegica, il caso giudiziario ed umano di Enzo Tortora nel trentesimo anno dalla scomparsa, la poesia di Alda Merini, la crisi dell’arte e le tante troppe domande irrisolte del nostro quotidiano, segno di una difficoltà angosciante e incombente che non trova soluzione, rivivono sul palco del Canovaccio per mano del regista ed attore Nicola Costa autore del raffinato e complesso atto unico “Tutto il resto ha poca importanza” in scena fino a domenica 8 aprile.
Gli attori @Francesco Bernava e Alice Sgroi, affiatata e collaudata coppia dispensatrice di emozioni, sono lo specchio di una società in crisi, devastata dal cinismo e dalla noncuranza di ciò che è veramente importante, capace di sopravvalutare l’effimero e cancellare l’essenza dell’anima.

 

 

Note di regia
Uno spettacolo teatrale scritto e diretto da Nicola Costa, dai contenuti forti e dalla messa in scena delicata e ricca di semantica; un testo inedito che affronta temi attuali e altri scottanti: dalla dimensione attuale degli artisti di teatro nell’era dei social, al caso Tortora a 30 anni dalla morte del celebre presentatore di “Portobello”, passando per i fatti di cronaca che hanno cambiato la vita alla giovane studentessa catanese Laura Salafia. Uno spettacolo di denuncia e riflessione capace di far sorridere ed emozionare, tanto quanto riflettere e arrabbiarsi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*