LA SETTIMANA SANTA CON HAYDN AL BELLINI – INTERVISTE

 

 

LA SETTIMANA SANTA CON HAYDN AL BELLINI – INTERVISTE

Il Concerto è stato interamente dedicato alla Passione e Morte di Cristo per celebrare la Settimana Santa, nell’ambito della stagione concertistica del Teatro Massimo Bellini. L’esecuzione è stata l’occasione per meditare attraverso una composizione musicale altamente spirituale, all’insegna di Franz Joseph Haydn.
Per la seconda volta sul podio del Bellini la bacchetta di J. David Jackson, dopo il grande successo catanese avuto l’anno scorso per una notevole edizione del monumentale Messiah di Händel che ebbe un gran successo di critica e di pubblico. A dirigere il coro delle composizioni di Franz Joseph Haydn, Gea Garatti Ansini.
Orchestra e Coro del Teatro, assieme a quattro giovanissimi solisti: il soprano Noemi Muschetti, il contralto Valeria Tornatore, il tenore Giuseppe Michelangelo Infantino, il baritono Giovanni Di Mare, hanno offerto le loro interpretazioni con impegno e competenza nei due famosi capolavori del sommo musicista austriaco Franz Joseph Haydn: la Sinfonia n. 49 «La passione» e Musica instrumentale sopra le 7 ultime parole del nostro Redentore in Croce. L’esecuzione di quest’ultima è stata ulteriormente arricchita dalle riflessioni di un gruppo di allievi del Liceo Classico Statale «Mario Cutelli» di Catania, che hanno partecipato al Progetto di alternanza scuola-lavoro dal titolo «Dietro le quinte». Dopo aver studiato e analizzato l’opera, gli studenti hanno ricavato dei testi liberamente tratti dalle suggestioni indotte dall’ascolto, instaurando un fervido dialogo tra la partitura tardo-settecentesca e una sensibilità squisitamente contemporanea. Voci recitanti gli attori Lucia Portale e Luca Iacono hanno saputo interpretare suscitando molto interesse e curiosità tra il pubblico.

Ha aperto l’esibizione la Sinfonia n. 49, scritta nella cupa tonalità di fa minore, definita «La passione», al momento della pubblicazione,

per il forte impatto drammatico che la distingue. Eseguita per la prima volta nel 1768, appartiene al periodo in cui Haydn aveva assunto il ruolo di vice Kapellmeister alla corte del principe Paul Anton Esterházy, al castello di Eisenstadt, dove viveva in relativo isolamento ed era stato perciò «costretto a diventare originale», sperimentando nuove tendenze espressive. Per questa ragione il componimento è stato inscritto nel novero delle sinfonie del periodo “Sturm und Drang”, che segna un avvicinamento all’omonimo movimento estetico tedesco che diede inizio alla corrente romantica in Europa.
la Musica instrumentale sopra le 7 ultime parole del nostro Redentore in Croce ovvero Sette Sonate con una Introduzione e alla fine un Terremoto risale invece al 1786, composta su commissione di un anonimo canonico di Cadice per essere eseguita durante le celebrazioni del Venerdì Santo. Si tratta di uno degli oratori di maggior successo di Haydn, che per un intero decennio attende alla redazione di versioni alternative, dapprima per orchestra, quindi per quartetto d’archi, per pianoforte, e infine per coro e orchestra, su testo di un canonico di Passau. La composizione degnamente diretta e interpretata dal maestro J. David Jackson si è articolata in sette sonate in tempo lento, ciascuna delle quali ha costituito una meditazione sulle ultime frasi pronunciate da Cristo sulla croce, precedute da un’Introduzione orchestrale e seguite da un Presto finale. Così, Jackson all’unisono con l’orchestra e Coro e la composta esecuzione dei giovani cantanti hanno offerto al pubblico presente il volto il quale ha descritto il terremoto che sconvolse il Calvario, come narrato dal Vangelo secondo Matteo. Gli spettatori del Bellini hanno gradito la particolare esecuzione applaudendo tutti gli interpreti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*