PELU’ E IL ROCK DEI LITFIBA AD ACIREALE

 

 

PELU’ E IL ROCK DEI DEI LITFIBA AD ACIREALE –

I Litfiba, con il loro “Eutàpia Tour”, si sono esibiti al Pal Art Hotel di Acireale. Il concerto è stato uno smacco ai poteri mafiosi che in passato esercitarono pressioni per ostacolare il ritorno sulle scene siciliane del gruppo. Piero Pelù, addirittura, rischiò ingiustamente il carcere a causa di quella vicenda. Lo racconta lui stesso, raccogliendo sul palco di Acireale un boato di applausi.
L’impegno sociale dei Litfiba è emerso anche ad Acireale. Poco prima del loro ingresso in scena, viene proiettato un filmato che mostra Ilaria Cucchi, Don Gallo, Gessica Notaro, i ragazzi del «Movimento Anti Bullismo Animato da Studenti Adolescenti», che invitano il pubblico a denunciare ogni forma di sopruso.
Alle 21 in punto comincia lo spettacolo. Pelù è una potenza della natura: travolgente, coinvolgente, non si può restare insensibili al suo carisma. L’abito di scena – una giacca di foggia militare – vola via per lasciare il posto alla canottiera nera. Catene metalliche pendono dai suoi fianchi. Poi prende il tricolore e lo trasforma in messaggio civico.
I testi delle canzoni, vecchie e nuove, sono bandiere di militanza. I temi sono quelli trattati sin dagli anni Novanta dai Litfiba, ma sempre attuali: l’ambientalismo, l’ingordigia capitalista, la lotta ad ogni forma di fanatismo (anche contro coloro che prendono sul serio le religioni), l’antimilitarismo, la giustizia sociale, i fenomeni di intolleranza, l’aspirazione a una vita senza vincoli e sempre in viaggio.
Dopo il concerto dei Litfiba si torna a casa amando questo gruppo italian-rock. Chi è andato a sentirli per la prima volta, ne resta sorpreso. Chi li ha già visti dal vivo, ad Acireale ha avuto una conferma: ai concerti dei Litfiba ci si diverte. I fan, a braccia tese, battono ritmicamente il tempo e cantano a squarciagola assieme ai loro beniamini. Con le dita delle mani formano esoterici segni del linguaggio del rock. Tutti – musicisti e spettatori – compartecipano al concentrato di musica, energia e sudore. Scorre per la verità un po’ di birra nelle gole: ed è giusto che sia così; il rito collettivo della musica rock lo pretende.


Sentendo suonare i Litfiba, ci si i rende conto che tanti luoghi comuni sono balle. Non è vero che  “la vecchia è l’età della saggezza e della pace dei sensi”. Piero Pelù con Ghigo Renzulli – i due “ragazzacci” che fanno 120 anni in due – sono l’emblema dell’energia incontenibile della gioventù e del rock. Ne hanno l’entusiasmo e la cocciutaggine. C’è bisogno della loro intemperanza. Bisogna ammirare la loro inconciliabile avversione al “potere”. Lunga vita ai già longevi Liftiba!

1 Commento

  1. …he si, la recensione rispecchia il gruppo e questo tour. sono GRANDI è inutile negarlo. Io ho visto la data di Padova ed è stato un grande concerto con il mix anni 90 e l’attuale album.
    Non vedo l’ora di rivederli a Majano del Friuli a luglio.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*