REGIONE AVVIA PIANI PER I DISABILI GRAVI SICILIANI

 

 

REGIONE AVVIA PIANI PER I DISABILI GRAVI SICILIANI –

Il tema dell’assistenza ai disabili gravissimi dell’Isola è stato oggetto di una importante riunione alla quale hanno partecipato oltre al presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, l’assessore alla Salute Gucciardi, i dirigenti dell’assessorato salute e dell’assessorato famiglia e lavoro con tutti i manager delle Asp siciliane.
Durante l’incontro sono stati esaminati i dati messi a disposizione da Asp e distretti socio sanitari, e si è data indicazione alle Asp di concerto con i distretti sanitari, di avviare i piani individuali di assistenza, che dovranno comprendere non solo quella sanitaria domiciliare ma anche quella igienico-personale sulla base dei livelli di gravità.
L’assistenza, che sarà attuata in conformità con quanto previsto dalle direttive ministeriali e da quanto già realizzato in altre regioni come Emilia Romagna e Lombardia, dovrà essere basata sulla libera scelta della persona affetta da disabilità o della famiglia, quando il soggetto non possa esprimere la propria volontà. Oggi si terrà la riunione del gruppo di lavoro sulla disabilità e nei prossimi giorni, così come previsto dalla legge recentemente adottata, la presidenza formalizzerà la proposta alla commissione parlamentare competente.
Il presidente Crocetta interviene nel merito e afferma: «Preciso che le forme integrative di contribuzione economica per l’assistenza sono previste da tutte le regioni italiane e possono rientrare nei piani individuali di assistenza. In atto, non è stata emanata alcuna direttiva perché il governo intende confrontarsi con tutti i soggetti interessati, al fine di fare un piano il più coerente possibile con le effettive esigenze».
E ancora aggiunge Crocetta: «La Regione sta inoltre lavorando per integrare altre risorse nella manovra finanziaria in esame all’Ars, sul fondo per l’assistenza alle persone con disabilità.
Le misure attualmente in studio riguardano interventi a breve, medio e lungo termine. Poi in conclusione il presidente precisa: «Su una cosa voglio essere chiaro nelle more degli studi da effettuare, pur essendo disponibile a discutere con tutti, non si possono lasciare i malati gravissimi senza la necessaria assistenza, pertanto intendo prendere alcune decisioni nell’immediato, per permettere a tutti di ricevere una dignitosa assistenza».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*