BUFERA DI NEVE SULL’ETNA, EOLIE ISOLATE

 

 

BUFERA DI NEVE SULL’ETNA, EOLIE ISOLATE –

Brusco abbassamento delle colonnine dei termometri, le temperature sono in forte calo al Sud. I tecnici del tempo prevedono che il freddo rigido permarrà per le prossime 48 ore. Sull’Etna è bufera e la neve cade anche a bassa quota, gelo nei centri abitati alle pendici del vulcano. In Sicilia, rispetto alla settimana di Natale, il quadro meteorologico è cambiato repentinamente. E’ arrivata l’aria fredda portata dall’anticiclone del nord che si è concentrata soprattutto su Balcani, Egeo e versante Adriatico-Ionico.
Intanto, stamane il forte vento e il mare mosso hanno fermato la motonave ‘Antonello da Messina’ della Siremar che ogni giorno collega Palermo con l’isola di Ustica.
Le Eolie sono isolate a causa delle forti raffiche di vento proveniente da tramontana che ha anche raggiunto i 50 chilometri orari.
A Lipari mareggiate soprattutto nelle borgate di Acquacalda e Canneto, dove l’acqua ha invaso le strade. Forti ondate determinate dal mare grosso si sono infrante nella zona di San Gaetano dove di recente sono stati spesi oltre 2 milioni di euro per proteggere con una barriera di massi le case: senza risultati.
Alcune imbarcazioni sono state danneggiate e lungo le strade il mare ha trascinato sabbia e terriccio. Fermi nel porto aliscafi e traghetti a causa del mare forza 6-7. Un guasto del dissalatore ha complicato i momenti di emergenza e i serbatoi di acqua dolce sono rimasti per ora a secco. A Lipari l’unica zona dove è distribuita l’acqua è Quattropani che dispone di una discreta riserva idrica.
Secondo i meteorologi nelle prossime ore al Sud e medio adriatico vi sarà variabilità con fenomeni irregolari nevicate a quote basse fino a 300/400m. Le regioni che risentono della variazione repentina del tempo sono Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, dorsale campana, Calabria e Sicilia settentrionale. Nelle altre località giornate stabili e soleggiate, durante le ore notturne il clima resta freddo. In previsione un ulteriore calo temperature, specie al Sud e versanti orientali. Venti con raffiche di oltre 60-70km/h di grecale che acuisce il freddo.
La situazione dovrebbe durare per i prossimi due giorni e pare che a Capodanno dovrebbe migliorare. – Gli specialisti del tempo prevedono per venerdì aria fredda che spirerà permanentemente sull’Italia del Sud con veve in collina. Pressione in aumento e condizioni meteo più stabili e soleggiate nel weekend di Capodanno. Bel tempo quasi ovunque, salvo isolati piovaschi e le temperature saranno in lieve ripresa secondo la media stagionale. Dal 2 gennaio vi sarà un probabile e veloce passaggio di perturbazione con maggiori effetti al Centrosud, specie tirreniche. La situazione metereologica e la sua evoluzione sarà gradualmente confermata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*