GELA, AVVELENA LE FIGLIE E TENTA IL SUICIDIO

 

 

GELA, AVVELENA LE FIGLIE E TENTA IL SUICIDIO –

La tragedia si è consumata a Gela in provincia di Caltanissetta. Giuseppa Savatta 41 anni ha ucciso le sue due figlie, Gaia, di 7 anni, e Maria Sofia, di 9, avvelenandole con la candeggina. Poi ha tentato il suicidio provando a ingerire anch’essa della varichina poi ha tentato di scavalcare la ringhiera del balcone della sua casa, al secondo piano di un edificio di via Passaniti, nel centro storico della città.
Il duplice omicidio è stato scoperto dal marito della donna, Vincenzo Trainito, 48 anni, ingegnere che insegna in un istituto scolastico privato, appena rientrato in casa. L’uomo l’ha pure bloccata mentre tentava di lanciarsi dal balcone, poi ha chiamato polizia e carabinieri. Dalle testimonianze di alcuni vicini pare che la donna soffrisse di depressione ma l’indiscrezione non è confermata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*