BLITZ CONTRO IL CLAN MADONIA NEL RAGUSANO

 

 

BLITZ CONTRO IL CLAN MADONIA NEL RAGUSANO –

La direzione investigativa antimafia di Catania ha coordinato una vasta operazione condotta dalla squadra mobile di Caltanissetta e dai carabinieri di Ragusa. L’inchiesta ha ricostruito anni di estorsione tra il 2001 e il 2015. Sette i pregiudicati di Niscemi arrestati, accusati di associazione mafiosa ed estorsioni aggravate dalle modalità mafiose.
Da recenti investigazioni le forze dell’ordine hanno scoperto che la mafia è tornata a controllare le produzioni agricole, i finanziamenti pubblici per il settore, gli interventi per la crescita delle colture. Il clan Madonia aveva inserito nel settore suoi uomini un po’ ovunque tenendo sotto controllo varie zone della Sicilia centrale e orientale. Il sistema di controllo sull’agricoltura consiste nell’imposizione della ‘guardiania’. Le aziende sottoposte a taglieggiamento avevano sede nei territori di Acate in provincia di Ragusa e Niscemi in provincia di Caltanissetta. polizia_e_carabinieri
Ai titolari delle aziende veniva imposta l’assunzione di appartenenti al clan, i quali assumevano il ruolo di guardiani, il che, unito al controllo di tutte le attività criminali svolte nel territorio dove erano ubicate le aziende, permetteva alla cosca di garantire alle vittime che non avrebbero più subito i furti e danneggiamenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*